Tg1: Minzolini indagato per abuso d’ufficio, la Guardia di Finanza sequestra documenti

Tg1: Minzolini indagato per abuso d’ufficio, la Guardia di Finanza sequestra documenti
da in Attualità, Augusto Minzolini, Informazione, Rai, TG 1, inchieste
Ultimo aggiornamento:

    minzolini augusto gdf

    Brutta giornata per Augusto Minzolini, che questa mattina ha ricevuto la visita della Guardia di Finanza, giunta nel suo ufficio per acquisire documenti relativi alla causa intentatagli dalla giornalista Tiziana Ferrario, ‘estromessa’ dalla redazione del Tg1 e poi reintegrata dal Tribunale del Lavoro di Roma. Il punto, però, è che, nonostante la sentenza di reintegro, la Ferrario non è più rientrata in servizio: da qui la denuncia penale nei confronti dell’Azienda da parte della giornalista. Su mandato del Pm di Roma, quindi, le Fiamme Gialle hanno provveduto al recupero di documenti utili per l’indagini, tra cui ordini di servizio e direttive interne, connesse all’organizzazione del lavoro e agli incarichi. Di fatto Minzolini risulta indagato per abuso d’ufficio e mancato adempimento di quanto stabilito dal tribunale.

    La guerra con Tiziana Ferrario sembra avere brutte conseguenze per Augusto Minzolini, direttore del Tg1. Questa mattina, infatti, la Guardia di Finanza ha raggiunto l’ufficio del direttore del Tg1 per recuperare documenti utili all’inchiesta relativa al cosiddetto Caso Ferrario. Tiziana Ferrario è stata per quasi 30 anni conduttrice del Tg1, salvo poi essere alternata in video ad altri colleghi e nominata caporedattore per i programmi della mattina. Alla giornalista non è piaciuto il cambio d’incarico e ha fatto ricorso al giudice del lavoro di Roma per riottenere la conduzione del Tg, ottenendo dal Tribunale il reintegro in video e in conduzione. Reintegro che però non c’è mai stato: da qui la denuncia penale da parte della Ferrario all’Azienda per mancata applicazione di quella sentenza, al di là della promozione a caporedattore per gli speciali della mattina.

    Le Fiamme Gialle si sono quindi recati prima a Viale Mazzini, dove però non hanno rivenuto materiale utile, quindi a Saxa Rubra per recuperare nell’ufficio del direttore i documenti richiesti dal Pm.

    Augusto Minzolini, che risulta indagato per abuso d’ufficio e mancato rispetto della sentenza di reintegro, si dice tranquillo: “L’inchiesta riguarda l’azienda e non il direttore: il clamore sollevato dalla vicenda Ferrario è una boiata pazzesca” afferma il direttore del Tg1 che definisce la ‘perquisizione’ della Guardia di Finanza un “atto dovuto, dopo la denuncia penale della Ferrario“. “E’ qualcosa che non mi riguarda direttamente” ribadisce il direttore.

    Beh, non siamo avvocati, quindi non ci pronunciamo in merito. In ogni caso la vicenda ha scatenato immediate reazioni dal mondo politico e ‘sociale’. Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi ha definito “sproporzionate le iniziative giudiziarie nei confronti del direttore del Tg1“, ravvedendo in esse “un’emblematica conferma dell’anomalia italiana che si rifiutano di riconoscere solo coloro che se ne avvantaggiano o ne hanno paura“. Insomma Sacconi intravede una forma di accanimento nei confronti di Minzolini, accanimento tanto più preoccupante perché “ne è oggetto uno dei pochi giornalisti fuori dal coro“.

    Di tono diverso invece il commento dell’Aiart: “La perquisizione della Gdf nel’ufficio di Minzolini è una sconfitta per il servizio pubblico – dice il presidente dell’Associazione di Telespettatori Cattolici Aiart - Non ci ricordiamo che in passato si sia mai verificato un evento di questo tipo. Quanto avvenuto dà l’impressione di un servizio pubblico allo sbando, che non sa dove andare, che ha difficoltà addirittura ad adeguarsi a quanto stabilisce un giudice“. “Ci auguriamo – conclude Borgomeo – che si riguadagni subito la direzione giusta, così vogliamo noi che paghiamo il canone“.

    Beh, va detto che sul capo di Minzolini pende anche un’altra inchiesta, che lo vede indagato sempre dalla Procura di Roma per peculato, in merito alla vicenda delle spese effettuate con la carta di credito aziendale che dovrebbe ora portare a un suo rinvio a giudizio. Stiamo messi bene….

    651

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàAugusto MinzoliniInformazioneRaiTG 1inchieste