Terremoto ad Haiti, serata speciale di Current

Current dedica la sua prima serata ad Haiti a una settimana dalla prima disastrosa scossa di terremoto che ha fatto circa 100

da , il

    Vanno in onda questa sera su Current tv (130, Sky) due documentari speciali dedicati ad Haiti, a poche ore da una nuova disastrosa scossa di magnitudo 6.1 gradi Richter che ha finito di radere al suolo la capitale Port-Au-Prince e i territori limitrofi. Una maratona dedicata all’isola caraibica che detiene il triste ‘record’ di paese più povero dell’Occidente, l’altra faccia della dorata Santo Domingo. Due documentari che hanno per fulcro il martoriato territorio haitiano, pre e post terremoto, per far conoscere al pubblico tv la realtà di quella zona. Nel frattempo Current ha pubblicato sul proprio sito una lista delle organizzazioni e delle associazioni impegnate sul campo per pemettere al pubblico di scegliere direttamente a chi destinare le proprie donazioni. In alto un estratto di un servizio realizzato un anno fa.

    Speciale Haiti per Current Tv: si parte alle 21.00 con Radio Haiti – The Agronomist, documentario del 2003 di Jonathan Demme, sulla storia di Jean Dominique, giornalista haitiano laureato in agraria, ha fatto della sua radio la voce del popolo, una voce scomoda on air dal 1968. Affiancato dalla moglie Michele Montas, Dominique, nonostante i vari esilii sui è stato condannato, combatte ancora per la democrazia e contro le ingiustizie della dittatura.

    Alle ore 22:40 Speciale Haiti, serie di video in presa diretta attinti da principali circuiti di informazione internazionale che documentano la situazione haitiana e gli aiuti umanitari. Tra queste immagini anche il video di MediciSenzaFrontiere che testimonia i primi interventi delle equipe mediche sotto le strutture-tenda poste davanti a ciò che resta dell’ospedale traumatologico La Trinité e del centro di riabilitazione Pacot.

    Ricordiamo in chiusura l’iniziativa di Current, che sul suo sito, presenta al pubblico le varie organizzazioni operanti sul territorio: un modo per far scegliere direttamente a chi destinare le proprie donazioni. Un’altra intelligente dimostrazione di democrazia.