Teri Hatcher in vacanza solidale in Tanzania con la figlia Emerson Rose

Teri Hatcher in vacanza solidale in Tanzania con la figlia Emerson Rose Pubblicato da Fulvia in Personaggi Tv, Serie Tv

da , il

    teri hatcher e la figlia

    (Foto tratta da: celebritybabies.info)

    Mentre le serie tv sono in pausa, a meno di casting news e spoiler non resta che dedicarsi alle vacanze dei vip, e dopo le corse di Patrick Dempsey, ci occupiamo delle vacanze solidali di Teri Hatcher.

    L’attrice, una delle protagoniste di Desperate Housewives, è infatti volata a Nairobi, Kenya, dove ha aiutato con un’assegno di 35.000 dollari America Share, un’associazione no-profit che si occupa di fornire un’educazione, il cibo e una casa a bambini ed adulti del paese, tutte persone affette dalla povertà e, spesso, dall’AIDS.

    Ma non solo denaro: la Hatcher, accompagnata dalla figlia, ha anche visitato la scuola, ma a dispetto della sua fama internazionale, i bambini africani avevano occhi solo per la figlia dell’attrice, Emerson Rose, che ha portato una quarantina di lettere di suoi compagni di scuola per cominciare un’amicizia in punta di penna tra bambini di paesi diversi.

    “Erano entusiasti di mia figlia, ha detto la Hatcher, abbiamo parlato di matematica e abbiamo scherzato, e loro le facevano un sacco di domande: ‘Qual è la tua materia preferita, qual è quella più difficile, cosa preferisci fare’. E poi abbiamo parlato di sport, a chi piacciono la scienze, a chi piace la matematica, a chi non piace la matematica, le frazioni sono difficili, cose di questo genere. Penso che mia figlia sia stata più eccitata per questa visita che se avesse visto giraffe e ippopotami“.

    Non solo scuola: se la figlia della Hatcher ha trovato circa 40 compagni di penna per lei e i suoi compagni, l’attrice ha fatto visita anche un’orfanotrofio, anche lì per raccogliere fondi per aiutare i bambini delle realtà in difficoltà: “Ero lì circondata da bambnini, ha detto l’attrice, ed gli chiedevo: ‘Cosa ti piace fare? Qual è la tua attività preferita durante il giorno?’. E penso cheuno dei bambini abbia capito ‘Qual è il tuo giorno preferito?’, perché ha risposto ‘E’ questo!“.