Terapia di coppia per Charlie Sheen e la moglie; i dubbi sull’aggressione

Ci sarebbe di mezzo un “qualche tipo di arma”, probabilmente un coltello, nella rissa domestica che ha visto protagonisti Charlie Sheen e sua moglie: a dare la notizia in esclusiva è stato E! News, che ha intervistato la portavoce della Polizia di Aspen, Stephanie Dasato, che non ha voluto rivelare il nome della persona minacciata, ma ha però spiegato che nella violenta litigata è anche spuntata un’arma

da , il

    Ci sarebbe di mezzo un “qualche tipo di arma”, probabilmente un coltello, nella rissa domestica che ha visto protagonisti Charlie Sheen e sua moglie Brooke Mueller: a dare la notizia in esclusiva è stata E! News, che ha intervistato la portavoce della Polizia di Aspen, Stephanie Dasato, che non ha voluto rivelare il nome della persona minacciata, ma ha però spiegato che nella violenta litigata è anche spuntata un’arma.

    Tutto è successo la vigilia di Natale, secondo i media americani Charlie Sheen e la terza moglie Brooke Mueller erano a cena a casa di amici quando hanno cominciato a litigare: le cose sono “sfuggite di mano” – parola di un amico della coppia; pare che l’attore abbia afferrato la moglie per la gola, per poi minacciarla con un’arma (secondo i più, un coltello) – e così è stata chiamata la polizia.

    Il protagonista di Due uomini e mezzo ha passato in cella buona parte del giorno di Natale (secondo un vicesceriffo l’attore è stato “molto socievole e cooperativo”), ed è stato rilasciato dietro il pagamento di una cauzione di 8.500 dollari; l’udienza per i fatti poco natalizi che lo hanno visto protagonista si svolgerà l’8 febbraio, ma pare che Sheen abbia ricevuto un’ingiunzione che lo terrà lontano dalla moglie.

    Non mancano però i dubbi sull’accaduto, secondo i media statunitensi la moglie di Sheen avrebbe fornito diverse versioni sull’aggressione (una cosa che secondo la polizia può comunque succedere, ma la Mueller rischia un’accusa per falsa testimonianza se – come si vocifera – fosse addirittura stata lei ad aggredire il marito), e – come dicevamo nei giorni scorsi – il tasso di alcool nel suo sangue era oltre il doppio sul limite consentito; infine – secondo TgCom – sul suo corpo sono stati ritrovati “segni” che potrebbero non essere in relazione con la lite con il marito.

    Sulla vicenda non ci sono ulteriori commenti oltre a quelli già riportati ieri di portavoce ed avvocato dell’attore, anche se un manager di Sheen ha spiegato che “Charlie e Brooke sono molto dispiaciuti per quello che è accaduto e stanno cercando di risolvere la cosa in maniera amichevole”, probabilmente attraverso la terapia di coppia (anche se lui è tornato a casa mentre la moglie è rimasta ad Aspen).

    Sheen ha anche parlato della sua carriera, secondo il sito Contact Music l’attore ha detto che “ci sono state molte chiacchiere su un mio ritiro, le persone hanno pensato che fossi depresso per il contratto o chissà cosa, quando ero molto più giovane pensavo di ritirarmi a quarant’anni, ma ‘Due uomini e mezzo’ è uno show molto amato e ritirarmi ora sarebbe un errore”.