Teletubbies assolti, la Polonia fa retromarcia

La Polonia fa marcia indietro e assolve i Teletubbies dall'accusa di propaganda omosessuale

da , il

    Teletubbies

    Era dell’altro ieri la notizia che il governo polacco aveva accusato i simpatici Teletubbies di propaganda omosessuale additando in particolare il Teletubbies viola, Tinky Winky, che pur essendo maschio va in giro con una borsetta. Dopo la valanga di critiche e polemiche che ha suscitato la vicenda Ewa Sowinka, parlamentare dell’ultracattolica Lega delle famiglie polacche che addirittura avrebbe voluto indire un’indagine psicologica sul comportamento dei pupazzetti, ha fatto marcia indietro.

    La portavoce dell’agenzia Rpd, Wieslawa Lipinska, ha dichiarato che non si spenderanno soldi pubblici per pagare una commissione di psicologi che avrebbe dovuto analizzare il programma per bambini della BBC per verificare che non vi fosse un’occulta ‘propaganda’ omosessuale. Lipinska ha spiegato che i Teletubbies sono solo dei personaggi della finzione, che niente hanno a che vedere con la realtà ( ci voleva tanto ad arrivarci?). Tutti i fans di Tinky Winky, Dipsy, Laa-Laa e Po che si erano allarmati per la notizia possono tranquillizzarsi quindi perchè potranno continuare a seguire le colorate avventure dei loro beniamini in tv.