Tale e Quale Show, Filippo Bisciglia: ‘Vincere? Ci provo, sono un combattente’, intervista

Televisionando intervista Filippo Bisciglia, concorrente della settima edizione di Tale e Quale Show, il talent show di Rai 1 condotto da Carlo Conti. Nelle prime due puntate, il conduttore di Temptation Island ha imitato Francesco Gabbani e Tiziano Ferro. Nella terza puntata, in onda il 7 ottobre eccezionalmente di sabato, si cimenterà nell'imitazione di Franco Califano.

da , il

    Tale e Quale Show, Filippo Bisciglia: ‘Vincere? Ci provo, sono un combattente’, intervista

    Da Temptation Island a Tale e Quale Show. Filippo Bisciglia, conduttore del reality show estivo cult di Canale 5, è nel cast del talent di Rai 1 condotto da Carlo Conti e prodotto da Endemol Shine Italia. Televisionando lo intervista tra una prova e una seduta al trucco nella settimana in cui è impegnato a imitare Franco Califano. Dopo aver indossato i panni di Francesco Gabbani e Tiziano Ferro, convincendo giuria e telespettatori e spazzando i pregiudizi iniziali, nella terza puntata – in onda il 7 ottobre, eccezionalmente di sabato – si cimenta adesso con l’imitazione di Franco Califano.

    Nella prossima puntata imiterà il Califfo. Ha paura?

    La preparazione è difficile, sono sei ore di trucco al giorno. Il canto sta andando molto bene, ma con Califano bisogna stare attenti perché ha una voce grattata e scura. Se non calibri bene rischi di giocarti la voce.

    Nelle prime due puntate ha interpretato Francesco Gabbani e Tiziano Ferro e le critiche sono state positive. Ne è rimasto sorpreso?

    Nessuno se l’aspettava e ne sono felicissimo. Ho deciso di partecipare a Tale e Quale Show proprio per questo: ci puntavo e ci sto riuscendo.

    Anche la giuria ha espresso pareri positivi, specialmente dopo l’imitazione di Ferro.

    Sono felice per i complimenti di Loretta Goggi, che mi ha definito ‘una rivelazione’. Ferro inizia con voce molto calda e le note basse, poi sale e sono riuscito a non stonare. L’ho provata e riprovata. E’ difficile da interpretare, ha una voce unica, lui è unico. Mi ha fatto molto piacere anche perché è la prima volta che a Tale e Quale Show l’imitazione di Tiziano Ferro arriva ai primi posti.

    Punta alla vittoria o almeno al podio?

    Qualsiasi impegno prenda, cerco sempre di dare il massimo e ci proverò anche stavolta. Sono un combattente. Non sono cantante, mi sto mettendo in gioco per imitare al meglio i personaggi assegnati.

    Gira voce che il provino per entrare nel cast del programma sia difficile. E’ davvero così?

    Sì. Tale e Quale è un programma bellissimo, ma difficile. E’ semplice nella formula perché sono concorrenti che fanno imitazioni, ma il lavoro che c’è dietro è impressionante. Arrivo in studio alle 10 e torno a casa la sera alle 23, non ci fermiamo mai. E’ l’unico programma che avrei fatto da concorrente.

    Questa settimana andrete in onda eccezionalmente di sabato. Ha paura del sabato sera di Rai 1?

    Quel palco mi fa tremare le gambe sempre. Sarebbe lo stesso anche se andassimo in onda il lunedì alle 4 di mattina.

    Dopo il debutto ha sentito Maria De Filippi?

    Mi ha mandato un messaggio con scritto ‘Bravooo’ con tre o. Da quando la conosco l’ha scritto solo un’altra volta, quest’anno dopo Temptation Island, e per me è un super onore ricevere un messaggio così da Mary. Sono felicissimo. Se faccio bene è contenta e, di conseguenza, lo sono anche io.

    Dopo Tale e Quale Show, la ritroveremo in altri programmi RAI?

    Per adesso lavoro a Temptation Island e Tale e Quale. Se dovessero arrivare altre proposte le valuterò.

    Quale artista spera di dover imitare?

    Ai provini ognuno di noi ha portato diversi personaggi, ma a decidere sono sempre gli autori, anche in base alla somiglianza. Spero di fare tutto al meglio, sono un secchione, puntiglioso e attento ai dettagli, anche se non sembra.

    Che rapporto ha con la giuria?

    Per me, da amante della TV, essere giudicato da Loretta Goggi, Christian De Sica e Enrico Montesano è un onore, hanno fatto la storia della televisione italiana. Mi sento come un bambino che deve presentarsi a un provino di calcio con Messi, Ronaldo e Maradona.

    Ne ha fatta di strada dal Grande Fratello. E’ soddisfatto?

    In questi dodici anni ho costruito tutto piano piano: ho fatto fiction, l’inviato, il conduttore, eliminando le cose che non mi avrebbero portato a nulla. Penso che queste scelte siano state ripagate.