Switch Off Abruzzo e Molise: sospese dal Tar le date del passaggio completo al digitale

Switch Off Abruzzo e Molise: sospese dal Tar le date del passaggio completo al digitale

Il Tar del Lazio ha sospeso le date di scadenza fissate per lo switch off in Abruzzo e Molise (erano previste dal 7 al 23 maggio)

da in Digitale Terrestre, switch off
Ultimo aggiornamento:

    switch off 2012 sospeso in abruzzo e molise

    Il Tar del Lazio ha deciso di sospendere con provvedimento cautelare monocratico le scadenze del passaggio definitivo alla trasmissione televisiva digitale terrestre nell’area tecnica dell’Abruzzo e Molise (inclusa la provincia di Foggia): le date degli switch off nelle due regioni erano state fissate a partire dal 7 maggio 2012 ed entro e non oltre il 23 maggio 2012 dal Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico dello scorso 14 dicembre 2011. L’istanza di sospensiva sarà trattata in sede collegiale durante l’udienza del prossimo 23 maggio 2012 davanti la I sezione del TAR Lazio. Accolto dunque il ricorso dell’impresa televisiva che aveva chiesto l’emanazione del provvedimento cautelare affinché il Ministro dello Sviluppo Economico fissi le nuove date dello switch off nell’area tecnica n.11 partendo dal presupposto che dovrebbero trascorrere tre/quattro mesi tra la data di rilascio dei diritti di uso delle frequenze e la data d’inizio del passaggio completo al dtt.

    Nel suo ricorso al Tar del Lazio l’impresa ha evidenziato inoltre che il Ministero non ha ancora provveduto al rilascio dei diritti di uso delle frequenze e anche nel caso le fossero assegnati tali diritti non riuscirebbe a rientrare nelle date di scadenza dello switch off previste dal decreto ministeriale impugnato perché non avrebbe il tempo di realizzare la nuova rete di trasmissione, procedere all’acquisto degli impianti né tantomeno chiedere le autorizzazioni urbanistiche, ambientali e igienico sanitarie. Sorgerebbero problemi anche nel caso in cui la tv ricorrente fosse esclusa dalle assegnazioni: non ci sarebbero infatti i tempi necessari (50 giorni prima dello switch off) per la formazione dell’accordo di “must carry” con un soggetto destinatario di assegnazione.

    Soddisfatti per l’istanza sospensiva Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo,e Maurizio Giunco, presidente dell’Associazione Tv Locali Frt: Aeranti-Corallo e Associazione Tv Locali Frt da sempre lamentano l’illegittimità di assegnazioni frequenziali pochi giorni o poche ore prima degli switch off. In tal modo, infatti, le tv locali non sapendo, fino all’ultimo momento se avranno diritto all’assegnazione delle frequenze, non possono programmare investimenti e installazioni, organizzando le proprie reti per la transizione al digitale secondo i tempi calendarizzati. In relazione a ciò – hanno aggiunto Rossignoli e Giunco - le tv locali spesso non riescono a far sintonizzare i propri programmi al momento dello switch off, rimanendo così escluse dalla ricezione televisiva per tempi indefiniti. Auspichiamo che il provvedimento odierno della Magistratura Amministrativa riapra la discussione su un tema fondamentale quale è quello della partecipazione a pieno titolo, da parte delle tv locali, al processo di transizione digitale.

    Il passaggio completo al digitale terrestre in Abruzzo, Molise e provincia di Foggia potrebbe dunque slittare a settembre/ottobre.

    Update delle ore 17: Il provvedimento di rinvio dello switch off disposto dal Tar Lazio nell’ambito del giudizio promosso dall’emittente Napoli Canale 21 non riguarda il territorio dell’Abruzzo, dove la procedura sarà regolarmente avviata da lunedì 7 maggio. Lo ha chiarito poche ore fa il ministero dello Sviluppo Economico. Il Presidente del Corecom Abruzzo Filippo Lucci si è detto soddisfatto per questa comunicazione che fa chiarezza sulla vicenda del passaggio della regione al digitale terrestre.

    565

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Digitale Terrestreswitch off