Su Rai Tre il documentario 1367 – La tela strappata in ricordo di Falcone e Borsellino

In occasione del ventesimo anniversario della strage di Via D'Amelio Rai Tre trasmette il documentario 1367 - La tela strappata in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

da , il

    rai3 1367 la tela strappata

    Prosegue l’omaggio della tv italiana ai giudici antimafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: nel ventennale della strage di Via D’Amelio in cui persero la vita Borsellino e gli agenti della sua scorta, Rai Tre trasmette 1367 – La tela strappata, documentario di Giancarlo Licata che, attraverso le immagini dei telegiornali Rai custodite dalle Teche di Viale Mazzini, racconta le ore (1367, appunto) che trascorsero tra la morte di Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta nell’attentato sull’autostrada Palermo-Punta Raisi, e la morte di Paolo Borsellino e dei suoi poliziotti nella strage di via D’Amelio.

    Con 1367 – La tela strappata la cronaca diventa storia per ricordare le stragi di Capaci e di Via D’Amelio. Il documentario di Giancarlo Licata, giornalista Rai attualmente responsabile della redazione del Tgr Mediterraneo, utilizza, infatti, esclusivamente le immagini girate dagli operatori Rai, i servizi degli inviati e le edizioni straordinarie trasmesse vent’anni fa dai telegiornali delle tre reti Rai, e rimontate dal Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, per ripercorrere quei drammatici 57 giorni, ovvero le 1367 ore, che separano l’assassinio di Giovanni Falcone, avvenuto il 23 maggio 1992, da quello di Paolo Borsellino, avvenuto il 19 luglio dello stesso terribile anno che ha scosso l’Italia. Filmati che documentano anche la vivace reazione sociale e il risveglio di una coscienza antimafia, culminate nella nascita del Comitato dei Lenzuoli e delle associazioni antimafia, nella catena umana e nella manifestazione Italia parte civile organizzata dai sindacati confederali che portò a Palermo oltre centomila persone da tutta Italia.

    Tra le immagini non mancheranno, inoltre, le polemiche di quel tempo, le contestazioni della gente alla presenza dei politici ai funerali di Falcone e le reazioni della stessa politica, da Craxi a Spadolini, da De Mita a Occhetto, da Martelli a Oscar Luigi Scalfaro, eletto nuovo presidente della Repubblica.

    Il documentario di Licata si apre con le ormai famose parole della vedova dell’agente di scorta di Falcone Vito Schifani, Rosaria, che nella chiesa di san Domenico a Palermo, con la voce rotta dai singhiozzi si rivolse ai mafiosi dicendo ‘Io vi perdono, ma voi vi dovete mettere in ginocchio, se avete il coraggio di cambiare’.

    1367 – La tela strappata andrà in onda oggi pomeriggio alle 18 su Rai Tre e in replica in seconda serata alle 23:15 su Rai Storia, canale 54 del digitale terrestre gratuito.