Striscia sfida la Rai: “Addio Veline se la Rai cancella Miss Italia”

da , il

    veline 2008

    Antonio Ricci sfida la Rai e continua la sua personalissima lotta contro i pregiudizi che vedono Striscia la Notizia ‘madre’ della mercificazione del corpo femminile: è pronto a rinunciare alla presenza delle Veline dalla prossima edizione del suo tg satirico (e all’annesso concorso per eleggere le due nuove Veline, previsto per l’estate 2011) se la Rai è disposta a cancellare Miss Italia. E, non contento, chiede anche che quei ‘bacchettoni’ del gruppo L’Espresso, sempre pronti a puntare il dito contro le Veline, rinuncino ai settimanali Velvet e D-La Repubblica delle Donne.

    Ormai da mesi Antonio Ricci, per mezzo di Striscia la Notizia, conduce la sua ‘personalissima’ battaglia contro l’ipocrisia dei media sulla mercificazione del corpo femminile, da molti associata – televisivamente parlando – alla comparsa delle Veline o all’esperienza di Drive In. Dopo i due documentari su Il Corpo delle Donne e il settimanale reportage sugli orrori della tv Usa – dopo che un celebre quotidiano statunitense ha indicato Striscia come luogo del trash italiano – ora Antonio Ricci lancia una vera e propria sfida che sa di provocazione.

    Quest’anno – si legge in una nota del programma – dopo tre edizioni di Striscia la Notizia, le Veline Costanza Caracciolo e Federica Nargi, come da tradizione, dovrebbero essere sostituite. Il Tg satirico di Canale 5 ha deciso di rinunciare provocatoriamente al concorso estivo Veline 2011 e propone un patto. A partire dalla prossima stagione Striscia la Notizia eliminerà le Veline dal cast. In cambio chiede alla Rai di cancellare dal palinsesto la prossima edizione di Miss Italia, programma dove la donna per antonomasia è militarizzata, e al Gruppo Espresso (la cui macchina del fango anche oggi ha pesantemente colpito le Veline con un articolo edito da ”Affari e finanza” a firma Paola Jadeluca), di rinunciare alle sue due veline: il settimanale ”D-La Repubblica delle donne” e il mensile ”Velvet”, dove la dignita’ delle donne è ridotta da sempre ad attaccapanni“.

    Se però entro settembre non sarà cambiato nulla, e quindi Rai e L’Espresso continueranno a mantenere ‘le proprie posizioni’ “Striscia la Notizia, dopo aver dimostrato le proprie migliori intenzioni, si vedrà costretta a riconfermare le Veline (Costanza e Federica) in carica quest’anno“. E la nota di Ricci chiosa sottolineando come “le Veline di Striscia, additate come l’origine di tutti i mali, nascono soprattutto come parodia di Espresso e Panorama che hanno sempre utilizzato donne oggetto per le loro copertine“.

    Beh, considerate le difficoltà economiche di Salsomaggiore per la prossima edizione di Miss Italia, la Rai potrebbe anche ‘approfittarne’ per unire l’utile e il dilettevole.