Striscia la notizia polemica sui voti di Sanremo 2012: sono solo parole

Il servizio di Striscia la Notizia sulla giuria demoscopica, palesemente realizzato per danneggiare Sanremo, non è servito a nulla: il meccanismo di votazione da loro condannato era stato già annunciato dai responsabili del Festival in conferenza-stampa

da , il

    sanremo 2012 striscia la notizia

    Striscia la Notizia ha appena mandato in onda il tanto atteso servizio sulle irregolarità di Sanremo 2012, servizio che va ad aggiungersi a una puntata in cui Barbara D’Urso, oltre a sponsorizzare Tanto poi esce il sole con una maglietta a dir poco orrenda, ha commentato in modo scioccante il Festival, assieme ad Alessandra Mussolini e altri ospiti in studio. Il servizio di Canale 5 è andato in onda verso le nove meno dieci e rientra nel palese piano di ostacolare il successo dell’Ariston in tutti i modi possibili e immaginabili (peccato che si rivelerà fallimentare passo dopo passo: anche ieri, per esempio, l’assurda messa in onda di Matrix non ha fatto registrare neanche il 5% di share). Il pezzo, infatti, ha posto l’accento su qualcosa di cui tutti i telespettatori (o quasi) sono a conoscenza, e cioè il meccanismo scelto da Mazzi e Morandi per evitare di far slittare ancora una volta le votazioni, a causa di altri problemi tecnici.

    Come sapete, la giuria demoscopica ieri è stata chiamata alle 18.30 per votare in anticipo, sulla base di un pezzo ascoltato in versione cd e non live: una scelta senz’altro discutibile, ma necessaria. Per di più, i voti sarebbero stati presi in considerazione solo e soltanto se in diretta il sistema di votazione non avesse funzionato. Siccome ha funzionato, e anche benissimo, il sistema-foglietti è stato messo da parte.

    Possibile che non abbiano seguito la conferenza stampa della mattina, prima di mandare in onda un servizio del genere? Evidentemente, no. Ma, quando c’è la concorrenza di mezzo, si sa, tutto è concesso. Anche che una Barbara D’Urso dinanzi a milioni e milioni di telespettatori ammetta di non guardare il Festival, che, essendo di matrice popolare, dovrebbe essere sostenuto da tutti, anche da Canale 5.