Striscia la notizia, Luca Abete fermato dalla polizia: l’inviato sta bene [VIDEO]

Striscia la notizia, Luca Abete fermato dalla polizia: l’inviato sta bene [VIDEO]

''Appena uscito dalla Questura...piuttosto 'stropicciato''': tentava di intervistare il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini

    Striscia la notizia, Luca Abete fermato dalla polizia: l’inviato sta bene [VIDEO]

    Nella serata di venerdì 14 ottobre 2016, l’inviato di ”Striscia la notizia” Luca Abete è stato ”strattonato e fermato dalla polizia” di Avellino, mentre cercava di fare una intervista al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, dopo i numerosi servizi da lui realizzati con le denunce di carenze strutturali in alcuni edifici scolastici campani. Lo rende noto la stessa trasmissione ”Striscia la notizia”, il tg satirico in onda su Canale 5 che, in una nota, ricostruisce la vicenda, precisando come siano stati ”fermati anche gli operatori, ai quali è stato chiesto di consegnare il girato”.

    Cos’è successo a Luca Abete? A descrivere meglio i fatti, ci ha pensato Ezio Greggio, nel corso della puntata di ”Striscia la notizia” trasmessa su Canale 5 venerdì 14 ottobre 2016 e in onda poco dopo quanto accaduto in un comune della Campania. Il conduttore del programma, affiancato da Michelle Hunziker, ha fornito ulteriori dettagli sul fermo dell’inviato.

    ”Poche ore fa – ha fatto sapere Greggio in TV – il nostro Luca è stato prima bloccato dalla scorta del ministro e poi portato in Questura”.

    Queste, infatti, le parole del conduttore che hanno anticipato la trasmissione di un video con le ”prime immagini” dell’accaduto; video così commentate dallo stesso Greggio:

    ”c’è un po’ di confusione, ma si capisce che (Abete, ndr) viene fatto salire sull’auto della polizia”, ha detto; ricordando, tra l’altro, come già da lunedì la trasmissione Mediaset parlerà approfonditamente di quello che è successo a uno degli inviati più amati del programma.

    A tranquillizzare tutti, qualche ora dopo il fermo della polizia, è stato lo stesso Luca Abete, che ha affidato parole di speranza ai social network, pubblicando questo messaggio sul suo profilo Facebook:

    Appena uscito dalla Questura…piuttosto ‘stropicciato’”, ha fatto sapere.

    Poi, rivolgendosi ai suoi sostenitori, ha concluso: ”So che siete in tanti e che mi volete bene. Grazie di cuore. #Noncifermanessuno”.

    abete social

    Infine, c’è da dire che Luca Abete non è certo l’unico inviato Mediaset che ultimamente si è ritrovato in circostanze del genere: sono di pochi giorni fa, infatti, le notizie della ”iena” Luigi Pelazza espulso dal Marocco mentre realizzava un servizio (mentre l’interprete locale in un primo momento è stato arrestato); o di Giancarla Rondinelli, inviata del programma di Rete 4 ”Quinta Colonna”, aggredita insieme al cameraman a Bari, o, ancora, di una giornalista di La7 vittima di un’aggressione mentre realizzava un servizio sui rifiuti a Roma per la trasmissione ”Piazzapulita”.

    574

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI