Star Academy, quanto è costato il flop di RaiDue?

Star Academy, quanto è costato il flop di RaiDue?

Il Codacons chiede alla Rai quanto è costato il flop di Star Academy

    Star Academy, i costi di un flop

    Tanto rumore per nulla: dopo mesi di battage per il ‘nuovo’ talent show di RaiDue, Star Academy chiude dopo solo tre puntate in prime time e si avvia a una mesta conclusione pomeridiana, prevista per sabato 22 ottobre, nello slot occupato da Sabato Academy. Che a condurre la finale non si sia Francesco Facchinetti, come vogliono i rumors dell’ultim’ora, non ci stupisce più di tanto: in fin dei conti il suo contratto era legato al prime time e una finale del genere se la possono senza dubbio gestire i padroni di casa del pomeriggio, ovvero Daniele Battaglia e Alessandra Barzaghi. Ma ad agitare la ‘vigilia’ della finale non è tanto l’assenza di Facchinetti, quanto la domanda posta dal Codacons: quanto è costato alla Rai il flop di Star Academy?

    Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, è pronto a fare i conti in tasca a RaiDue per capire quanto ha pesato il flop (e possiamo dirlo senza che nessuno possa contraddirci) di Star Academy sulle casse della Rai. La domanda, in realtà, investe soprattutto i costi a carico degli utenti del servizio pubblico, ma – a dirla tutta – la gestione dei contributi da canone è talmente ‘oscura’ da rendere il quesito difficilissimo da ‘risolvere’, oltre che applicabile a qualsivoglia programma in onda sulla Rai.

    Considerazioni sul canone a parte, il Codacons fa una disamina di quanto accaduto al talent di RaiDue: “Dopo sole tre puntate chiude i battenti Star Academy, ennesimo talent musicale, che non ha incontrato il gradimento del pubblico, facendo registrare nell’ultima puntata appena il 4,6% di share. Si tratta di un vero e proprio flop, che fa seguito ad altre trasmissioni Rai chiuse in anticipo per mancanza di spettatori (ultimo caso Me lo dicono tutti, n.d.r) e a un generale calo di audience per la rete di Stato che vede addirittura coinvolto il Tg1, sceso al di sotto del 20% di share”. Ormai il Tg1 di Minzolini è citato in ogni nota che riguardi la Rai, ma andiamo avanti.

    Visto il dispiegamento di giudici, tutor, energie e mezzi per mandare in onda il programma musicale, ci chiediamo quanto sia costato agli utenti che pagano il canone questo fallimento televisivo e se vi siano responsabilità da parte dei dirigenti Rai” tuona il Codacons, pronto a rivolgersi alla Corte dei Conti per quantificare i danni subiti dai ‘cittadini’ (almeno quelli che pagano il canone) non solo in merito a Star Academy, ma più in generale sulla base del generale andamento degli ascolti Rai dell’ultimo periodo. Insomma, un modo per richiamare all’ordine gli strateghi della Rai, apparentemente sempre meno interessati a far fruttare gli investimenti e a gestire lucidamente le proprie risorse (policy aziendale della Lei a parte).

    Non sappiamo quanto il flop di Star Academy sia costato alla Rai, agli ‘abbonati’ e all’Erario: di certo il danno per l’immagine della Tv di Stato è incalcolabile e Star Academy non è neanche il principale ‘imputato’.

    555