Star Academy, il Codacons chiede il rimborso del televoto

da , il

    promo Star Academy

    Star Academy chiude senza finale e il Codacons è pronto a una class action per ottenere dalla Rai il rimborso del televoto. L’associazione presieduta da Carlo Rienzi torna, così, ad occuparsi del talent show di RaiDue dopo essersi chiesto quanto costa alla Rai e alle tasche degli ‘abbonati’ la chiusura iperanticipata del programma.

    Se Star Academy, come sembra, verrà chiuso anzitempo e senza vincitore siamo pronti a chiedere il rimborso del televoto, anche con una class action contro Rai, Endemol e i gestori telefonici, se non dovesse avvenire in via bonaria. Non credo vorranno arrivare ad un giudizio, anche visto il precedente dell’ultimo Grande Fratello. La domanda che ci si pone, infatti, è: il pubblico avrebbe votato lo stesso se fosse stato a conoscenza della chiusura anticipata di Star Academy, per giunta senza un vincitore? Ovvio che no. Quindi il televoto va rimborsato, operazione semplice considerando le tracce dei tabulati”.

    Questa la domanda che si pone il Codacons, che decide di prendere il flop di Star Academy, reo soprattutto di non concludere con una finale – in qualsivoglia forma – la gara dei talenti iniziata lo scorso 29 settembre. Il punto dolente, infatti, è l’assenza di un vincitore, che renderebbe quindi vani in blocco i voti dei telespettatori, almeno secondo la tesi sostenuta dall’associazione dei consumatori.

    La Rai rischia, quindi, un’ulteriore dispendio di soldi e risorse, già messe a dura prova dalla cancellazione del programma: a sostegno della propria tesi, Il Codacons avanza il precedente del Grande Fratello 11, quando la squalifica di quattro concorrenti per bestemmia, ciascuno con una ‘situazione’ diversa alle spalle, portò al rimborso dei televoti che li riguardavano. Ricordiamo che Massimo Scattarella, espulso dl GF 10, era stato riammesso salvo poi essere squalificato d’ufficio; Matteo Casnici era stato graziato dal programma per le sue origini non italiane, salvo poi essere espulso da Mediaset; Pietro Titone e Nathan Lelli erano andati in nomination e poi squalificati, con annullamento e rimborso del televoto. Il punto è che nel caso di Star Academy si chiede un rimborso per flop: varranno le stesse regole?