Spot Tim, l’addio di Belen: “Finisce un ciclo”

Prosegue con un altro capitolo la saga Belen/Tim

da , il

    Belen e lo spot della Tim, eccoci puntuali a l secondo atto. E’ lei stessa a dire che ogni volta che viene pronunciato il suo nome scatta automatico lo scandalo, la prende bene quindi questa brutta storia che la vedrebbe ad un passo dall’addio sugli spot tormentoni cui ci eravamo abituati da tempo. Intanto, come sottolineano tutti i giornali, non ultimo il Tg.com, Belen e Marco Pautano, direttore Domestic Market Operations di Telecom Italia, proprio nello scorso fine settimana erano insieme a Milano nel negozio Tim in Galleria Vittorio Emanuele per firmare autografi.

    Un segnale di distensione comunque tardivo. Ma lei non si scompone, non si sente né messa da parte né inadeguata, afferma semplicemente che ad un certo punto i cicli si chiudono, “chiunque firmerebbe a vita con Tim, ma è un ciclo che purtroppo finisce, tutti i testimonial prima di me hanno fatto un anno e mezzo di campagne”. Ma non si ferma qui il commento della Rodriguez che riconosce che forse non le ricapiterà più un’occasione importante come quella della Tim e lancia una frecciatina ai giornali che pare non scrivano dei tantissimi fan che la coppia Belen/De Sica degli spot hanno su Facebook.

    E puntualizza anche di non essere mai stata volgare, di aver sempre cercato di essere rispettosa, ma del resto ha concluso, “gli spot mica li scrivo io. Certo, se fossi tutta coperta e con le scarpe basse non sarei sexy, ma non e’ questo, secondo gli studi del mercato, ciò che chiede il pubblico. Poi non posso certo piacere a tutti”.

    Intanto sembra che in Telecom non sia stata presa nessuna decisione definitiva, il contratto con Belen scade a febbraio, quindi tutto è ancora aperto e proprio Patuano ha detto che tutto quello che si è letto in questi giorni è solo frutto di gossip. E per Belen in declino si è mosso anche Aldo Grasso sulla pagine del Corriere della Sera di domenica scorsa, che punta il dito contro i moralismi in giustificati dell’ultim’ora.

    Riprende il discorso su Sanremo con il sindaco che tanto si era raccomandato di mandare sul palco solo gente dalla moralità cristallina. E fa un’attenta analisi di quanti si stupiscono che Belen non sappia fare nulla e ricorda che per apparire in tv il saper fare non è una dote necessaria, quindi perché notarlo proprio adesso. Infatti, perché proprio adesso? Forse solo per lanciare la prossima campagna.