SpongeBob SquarePants rinnovato da Nickelodeon per una nona stagione

SpongeBob SquarePants è stato rinnovato da Nickelodeon per una nona stagione da 26 episodi che debutteranno nel 2012 sulla rete americana controllata di MTV

da , il

    sponge bob square pants rinnovato per una nona stagione

    Il cartoon SpongeBob SquarePants è stato rinnovato per una nona stagione che sarà composta da 26 episodi, che andranno in onda nel 2012 e che porteranno la serie di Nickelodeon (una controllata di MTV) a superare i 200 episodi. L’annuncio è stato dato da Deadline e confermato da Brown Johnson della Nickelodeon, che oltre alla serie ha prodotto anche il film – uscito in Italia nel 2005.

    Le avventure della spugna SpongeBob SquarePants, della stella marina Patrick, dello scoiattolo Sandy, della lumaca marina Gary, del polpo Squiddy, del granchio Mr. Kreb e del plancton…Plankton torneranno per una nona stagione da 26 episodi. Il cartoon – di gran successo tra i bambini di età compresa tra i 2 e gli 11 anni (da dieci anni di fila è lo show più visto in questa fascia), ma amata anche dagli adulti – sfonderà così il muro dei 200 episodi (in realtà ogni episodio è doppio, quindi le 300 puntate sarebbero già stati superate), e diventerà uno degli show più longevi visto che è in onda – piuttosto discontinuamente, nelle prime stagioni – dal 1999.

    Creata e disegnata dal biologo marino e disegnatore Stephen Hillenburg, la serie è uno dei prodotti di punta di MTV Network, essendo distribuita in 171 paesi; ma anche in America va benissimo, ad esempio con uno speciale dell’11 novembre ha raggiunto 6.6 milioni di telespettatori diventando il programma dell’anno tra i bambini 2-11 anni. “Il successo di SpongeBob nel raggiungere i 200 episodi – spiega la nota di Nickelodeon – è una testimonianza della bontà della visione di Hillenburg e dei suoi personaggi“. Dal canto loro, Hillenburg e Paul Tibbit, produttore della prima ora di SpongeBob, hanno fatto sapere “di non aver mai immaginato che saremmo potuti arrivare fin qui, ma ora continueremo ad andare avanti: il trucco è nel mantenere il cartoon semplice e divertente“.