Spartacus, svolta sensuale per Lucy Lawless, ex Xena

Spartacus, svolta sensuale per Lucy Lawless, ex Xena

svolta erotica per lucy Lawless, attrice neozalendese della serie tv Xena, ora tra i protagonisti di Spartacus Blood and Sand dove interpreta un ruolo molto scandaloso

    Lucy Lawless, la principessa guerriera della serie tv di culto Xena, torna a far parlare di sé per via del suo nuovo e soprattutto scandaloso ruolo che interpreta in Spartacus: Blood and Sand, miniserie attualmente in onda negli Stati Uniti sul canale via cavo Starz. Tra amplessi, scene di sesso esplicite e nudi integrali la nuova serie vietata ai minori di 18 anni e la Lawless non lasciano davvero nulla all’immaginazione. Della “vecchia” Xena che indossava una sexy armatura è rimasta la grande sensualità. Eccola senza veli in scene ad alto contenuto erotico. Guardare per credere.

    Sangue, violenza, sesso: questi gli ingredienti che in America stanno tanto facendo parlare di Spartacus: Blood and Sand, la nuova miniserie vietata ai minori di 18 anni attualmente in onda sulla tv via cavo Starz che racconta le vicende di Spartaco (interpretato dall’attore australiano Andy Whitfield), gladiatore romano che diede il via ad una rivolta di schiavi.

    Prodotta da Sam Raimi e Robert Tapert, con una fotografia ed effetti visivi che ricordano molto quelli tanto apprezzati negli spettacolari 300 e Sin City, la serie ha tra i suoi protagonisti Lucy Lawless, moglie di Tapert e vecchia conoscenza del pubblico di Italia 1, che per sei lunghi anni l’ha amata nei panni, e nell’armatura sexy, di Xena, la principessa guerriera.

    In Spartacus la sensuale attrice neozelandese interpreta il ruolo di Lucrezia, proprietaria del gladiatore insieme al marito Batiatus (John Hannah), e si è già fatta notare, dando scandalo, per le tante scene di sesso ad alto contenuto erotico e di nudo integrale di cui è protagonista.

    Le foto della gallery in cui la Lawless si mostra senza veli sono dunque solo un assaggio di quanto viene mandato in onda da Starz Tv.

    Foto tratte da Tgcom

    356