Spartacus, le prime anticipazioni di Steven S. DeKnight per la terza stagione

Spartacus, le prime anticipazioni di Steven S. DeKnight per la terza stagione

La seconda stagione di Spartacus: Vengeance si è chiusa ieri sera su Starz; il produttore Steven S

    La seconda stagione di Spartacus: Vengeance si è chiusa ieri sera su Starz, il decimo episodio era intitolato Wrath of the Gods, e di ‘ira degli dei’ ne abbiamo vista a profusione. In due diverse interviste – ad Entertainment Weekly e a TVLine, il creatore e produttore Steven S. DeKnight ha spiegato i motivi delle sue decisioni, incluso perché ha fatto certe scelte – anche in materia di morti – e cosa ci aspetta dalla terza stagione (Spartacus vs i Romani e un salto temporale). Come sempre, attenzione agli spoiler – e non leggete assolutamente se non avete visto il finale della seconda stagione.

    Se il finale della prima stagione di Spartacus vi era sembrato sanguinario, cosa ne dite di un finale in cui muoiono Lucretia (Lucy Lawless), Ashur (Nick Tarabay), Glaber (Craig Parker), Mira (Katrina Law), Enomao (Peter Mensah) e Ilizia (Viva Bianca)? Questo è successo durante Wrath of the Gods, decimo e ultimo episodio di Spartacus Vengeance – concepito come un ponte tra Blood and Sand e la terza stagione dello show – e se in alcuni casi le morti sono arrivate durante la sceneggiatura delle varie puntate, quella di Lucrezia è stata invece decisa sin da quando fu presa la decisione di farla resuscitare dopo la fine della prima stagione.

    Quando cominciammo a lavorare alla seconda stagione– ha rivelato Steven S. DeKnight – Starz mi chiese se era possibile resuscitare Lucrezia, io dissi di no, doveva rimanere morta insieme a Batiato (John Hannah), ma poi mi è venuta un’idea grandiosa, fare di lei un’Ofelia matta. Abbiamo fatto credere ai telespettatori (che in molti casi non ci sono caduti) che avesse recuperato la sanità mentale, e poi alla fine far capire loro che era matta da legare. Penso che i telespettatori ad un certo punto avessero capito che Lucrezia puntava al bambino, ma che mai si sarebbero aspettati che scappasse e si suicidasse insieme a lui per andare nell’aldilà e crearsi con Batiato la famiglia che avrebbero voluto’.

    DeKnight ha spiegato che in realtà tra lui e Rob Tapert (produttore dello show e marito della Lawless) c’è stata una breve discussione se lasciare Lucrezia viva per la terza stagione, ‘ma entrambi siamo arrivati alla conclusione che Lucrezia avesse fatto il suo corso, e che non si inserisse molto bene nello storyline della terza stagione, quando Crasso e Cesare (le new entry Luke Pegler e Todd Lasance) inseguiranno Spartacus.

    Non potevamo metterla nel campo dei romani, e neanche in quello dei ribelli (Crisso e Nevia l’avrebbero uccisa – o quantomeno ci avrebbero provato. E quindi abbiamo scelto la miglior storia per il suo personaggio’.

    Lo stesso discorso vale per Ilizia, ‘le due erano così legate che le loro storyline dovevano chiudersi insieme’, ha spiegato DeKnight [eliminando qualsiasi dubbio in merito alla morte del personaggio di Viva Bianca, che nella serie non si capisce bene]: ‘Per Ilizia abbiamo fatto lo stesso ragionamento che per Lucrezia, ma anche lei non entrava nella trama della terza stagione, non poteva stare con i ribelli, non poteva stare con i Romani, quindi abbiamo deciso di farla morire’. La morte di Enomao è invece in parte storica (fu tra i primi a cadere) e in parte di storyline dello show (serve a cementare lo stare di Gannico con i ribelli)

    Nella terza stagione vedremo molte new entry (si spiega anche così la carneficina del season finale), oltre a Crasso e ad un giovane Giulio Cesare (che sarà il Gannico dei romani, giovane e sicuro di se stesso; peraltro, non essendoci riferimenti storici di un Cesare vs gli schiavi, gli autori si sbizzarriranno) ci sarà il figlio di Crasso e un altro paio di romani ‘importanti’, più tre nuovi personaggi femminili e qualche personaggio storico non meglio precisato. DeKnight ha spiegato che le nuove protagonist femminili saranno personaggi diversi da quelli visti finora, non serviranno a rimpiazzare i morti (proprio come le new entry della seconda stagione non hanno tentato di rimpiazzare John Hannah: ‘Saranno personaggi diversi da Lucretia e Ilithyia, completamente diversi anche come dinamiche, ma speriamo lo stesso affascinanti’.

    Ma ora che Spartacus ha ottenuto la sua vendetta, cosa lo spingerà a continuare la lotta? ‘Questa è una buona domanda – ha detto DeKnight ad EW.comcosa guida ora Spartacus? E’ qualcosa di cui abbiamo discusso, ma la vendetta è una vittoria vuota e non basta mai: nei libri di storia è scritto che gli schiavi rapinarono ville e violentarono donne, per motive di sceneggiatura parleremo anche di queste cose, ma in maniera più lineare. La terza stagione sarà qualcosa di grande, ogni episodio gigantesco sulla carta ma poi dovremmo fare i conti con la produzione vera e propria: in questa stagione Spartacus è diventato un leader, la prossima sarà incentrata su Spartacus che è un leader e conduce una guerra: ci sarà un salto temporale di sei mesi, i ribelli di Spartacus saranno migliaia e causeranno dei bei grattacapi ai Romani’.

    870