Sondaggi: più varietà e documentari in tv, out i reality

Sondaggi: più varietà e documentari in tv, out i reality

ecco i risultati di uno studio realizzato dall'associazione no profit comunicazione perbene sul palinsesto che gli italiani vorrebbero nel 2010: out i reality show, promossi i documentari e i varietà

da in Attualità, Intrattenimento, Litigi in TV, Personaggi Tv, Programmi TV, Reality Show, Documentario, quiz-show, ricerche, sondaggi
Ultimo aggiornamento:

    Reality show, personaggi nullafacenti, urla, risse e quiz che regalano cifre milionarie: bocciati. Varietà, one man show alla Fiorello e documentari: promossi a pieni voti. Questi i risultati di uno studio sulle proposte degli italiani per la tv del 2010 promosso da Comunicazione Perbene in occasione della campagna Basta con i litigi e realizzato attraverso l’analisi di 1470 mail inviate al sito dell’associazione presieduta da Saro Trovato dal 20 dicembre al 4 gennaio. Strano destino per i reality: premiati dall’Auditel, ma “odiati” dal 65% di coloro che hanno inviato le email.

    Il 78% dei partecipanti al sondaggio di Comunicazione Perbene ha un sogno ben preciso per la tv del 2010: il ritorno in palinsesto del varietà e dei grandi one man show alla Fiorello (69%), Raffaella Carrà (36%) e Adriano Celentano (29%). Al 56% di coloro che hanno inviato le mail piacerebbe vedere Gerry Scotti alla conduzione di un varietà, e il 52% sogna Roberto Benigni al timone di one man show. Più qualità e meno trash insomma che significa più documentari (68%, con Piero Angela e il figlio Alberto tra i volti più amati, seguiti da Tessa Gelisio, Valerio Massimo Manfredi e Mario Tozzi), programmi di intrattenimento anche culturale (61%) e quiz che premiano chi studia (e non la fortuna) per il 49%, e meno litigi e telerisse, giudicate insopportabili dal 71%, quasi quanto le parolacce e le urla, bocciate dal 64%.

    Out dal palinsesto non solo i reality (sia quelli con protagonisti persone comuni sia quelli con i vip) ma anche tutti quei programmi che propongono modelli superficiali, di mediocrità e ignoranza (49%), in cui per vincere serve non saper fare nulla (38%). Insomma ci sarebbe da abolire la maggior parte della tv di oggi e anche i telegiornali non sono così ben visti: per il 28% andrebbero rivisti, soprattutto per via del troppo spazio concesso alle “liti” tra i politici.

    E voi nel vostro personale palinsesto del 2010 cosa ci mettereste?

    391

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàIntrattenimentoLitigi in TVPersonaggi TvProgrammi TVReality ShowDocumentarioquiz-showricerchesondaggi Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI