Sogni in grigio per gli over 55, effetto della tv

Sogni in grigio per gli over 55, effetto della tv

secondo una ricerca di una università scozzese le persone con più di 55 anni hanno più possibilità di sognare in grigio rispetto agli under 25, questo per effetto della televisione

    Si allunga la lista dei possibili effetti (curiosi) della televisione sul comportamento degli esseri umani. Anche i sogni a quanto pare subiscono l’influenza delle immagini provenienti dal piccolo schermo. Ma non è così semplice, e ovvio, come si potrebbe pensare.

    Se a volte gli over 55 non sognano a colori la colpa è della tv. Dopo aver scoperto che sembra esserci un legame tra le scelte di lavoro e i gusti televisivi che si avevano da bambini (così chi da piccolo ama i talk show molto probabilmente seguirà la strada del giornalismo), ecco ora un’altra curiosa novità. La televisione, oltre ai consumi e agli stili di vita, influenza anche il nostro modo di sognare. Secondo una ricerca condotta dalla scozzese Dundee University i sogni delle persone cresciute guardando la tv in bianco e nero non sono a colori ma di un triste grigio.


    Lo studio, condotto dalla ricercatrice Eva Murzyn, è stato effettuato, tramite la somministrazione di un questionario, su sessanta soggetti (trenta dei quali con meno di 25 anni, e i restanti trenta con più di 55 anni). Dai risultati è venuto fuori che solo il 4,4% degli under 25 sogna in bianco e nero, mentre la percentuale dei sogni in grigio sale al 25 per gli over 55 (questo potrebbe valere allora anche per gli italiani che ad esempio hanno vissuto il tempo di Carosello fino all’adolescenza).
    “Ci deve essere un momento cruciale nell’infanzia – ha spiegato la ricercatrice – nel quale guardare la tv ha un grande impatto sul modo in cui si formano i sogni”. Nulla di veramente rivoluzionario ma se vogliamo un’ulteriore conferma che se a volte sogniamo di essere i protagonisti di un film o di un cartone animato è perché le ultime immagini che abbiamo visto prima di addormentarci sono quelle che ci hanno colpito di più. Così una volta chiusi gli occhi immaginiamo mondi fantastici, magari anche in bianco e nero.

    374

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE