SkyUno, arriva Corrado Guzzanti

Corrado Guzzanti sbarca su SkyUno dal prossimo autunno

da , il

    E dire che Gino & Michele lo avrebbero voluto nel cast di Zelig! Corrado Guzzanti, invece, fugge persino da RaiTre per cercare nuovi orizzonti di libertà su Sky, seguendo le orme di Fiorello (poi dedicatosi anima e corpo al teatro con il suo Fiorello Show in Tour) e confidando in maggiori spazi per la sua satira. Sembrano lontani anni luce i tempi in cui Guzzanti era il mattatore de L’Ottavo Nano, addirittura in prima serata su RaiDue (correva l’anno 2001 e con lui c’era la sorella Sabina) e ancor prima, nel 1997, quando imperversava, sempre su RaiDue, con il Pippo Chennedy Show. Ma come dimenticare la serie di Fascisti su Marte, uno dei cult de Il caso Scafroglia, nella seconda serata di RaiTre nel 2003: in alto un estratto.

    Sky assume sempre di più la connotazione di un ‘esilio dorato’ per gli showman più pregiati della tv italiana e per i comici alla ricerca di ‘libertà’ in un panorama tv soffocato dall’infotainment gossipparo e dai reality stantii. Mentre lo show è sempre più ad appannaggio dei talent (Amici e X Factor in testa) e i varietà si trasformano in ‘feste di famiglia’ per i cantanti nostrani (da Morandi a Gigi D’Alessio) e in celebrazioni di fenomeni di varia fatta (si veda la premiata coppia Pupo ed Emanuele Filiberto), i gioielli di famiglia passano alla concorrenza satellitare.

    Repubblica, infatti, anticipa l’ormai imminente firma di un contratto tra Corrado Guzzanti, punta di diamante della satira italiana, e Sky. Il comico si trincera dietro un no comment di prammatica, mentre Sky fa trapelare qualcosa sulle formule allo studio per il ritorno di Corrado in tv, chiamato a “illuminare l’autunno di Sky“: “Di sicuro non si tratterà soltanto di una prima serata televisiva; Corrado Guzzanti potrebbe avere diverse fasce orarie a disposizione, finestre a piacimento su SkyUno: dipende tutto dalla sua creatività. La tv satellitare non mira a un unico passaggio settimanale come le tv generaliste. Come si è potuto vedere con Fiorello, senza l’ansia e i condizionamenti dell’Auditel, a Sky importanti personaggi televisivi (ultimo Lucio Dalla) possono dare il meglio, vengono messi in condizione di sperimentare davvero” dicono da Sky.

    E noi siamo già curiosi.