Sky si rinnova e si proclama ‘libera di’: guerra al Ddl intercettazioni

Sky si rinnova e si proclama ‘libera di’: guerra al Ddl intercettazioni

Sky Italia ha presentato il suo restyling grafico e le sue nuove offerte per i clienti: ma l'ad Tom Mockridge non demorde dalla sua guerra contro il ddl intercettazioni e rinnova la sua sfida a Mediaset Premium

    I nuovi loghi Sky

    E’ stata presentata oggi la nuova offerta di Sky (cui dedicheremo presto un ampio approfondimento) corredata di una nuova grafica che debutterà lunedì 5 luglio. Sky – Liberi di… il nuovo pay-off che accompagna il nuovo logo, mutuata dalla sorella britannica: ma Tom Mockridge, ad di Sky Italia, non perde l’occasione per rinnovare la sua sfida a Mediaset Premium e per rivendicare il diritto di fare informazione, opponendosi strenuamente al disegno di legge sulle Intercettazioni che sta seguendo il suo iter parlamentare: “Qualsiasi legge che imbavagli la comunicazione, minacci gli editori e mandi i giornalisti in prigione e una legge sbagliata e costituisce un attacco alla libertà di pensiero” ha detto Mockridge che ha aggiunto:”Se Emilio Carelli, direttore delle news di Sky Italia, dovesse andare in carcere ci andrò con lui“.

    Non lascia molti margini alle interpretazioni Tom Mockridge, l’ad di Sky Italia, che questa mattina ha presentato alla stampa la nuova Sky, rinnovata nella grafica e soprattutto nell’offerta ai clienti. Non cambia però la filosofia aziendale, rimarcata dal nuovo pay-off, ‘Liberi di…‘ che accompagna il lancio del restyling e delle nuove offerte. “Siamo nati da un piccolo giornale dell’Australia e le news sono una componente fondamentale della nostra filosofia aziendale” ha ricordato Mockridge rinnovando ai giornalisti entusiasti la sua intenzione di combattere contro il ddl Intercettazioni al fianco del direttore News Emilio Carelli. “‘E’ una legge sbagliata – ha aggiunto riferendosi al disegno di legge in Parlamento – e noi ci batteremo contro con qualunque mezzo e sistema e se Carelli andrà in carcere sono pronto ad andarci con lui“.

    Intanto Sky guarda al futuro: in attesa che si sblocchi la vertenza per lo sbarco anticipato sul digitale terrestre italiano, rinforza la sua offerta satellitare con pacchetti più flessibili e orientati (a quanto pare) a una riduzione delle tariffe. Il punto di forza per la crescita è senza dubbio l’HD: “L’HD continuerà a crescere in maniera è la vera rivoluzione del presente, quella che in passato è stata la tv a colori.

    Dei 4,7 milioni di abbonati a Sky, il 50% ha l’HD” ha sottolineato Mockridge, evidenziando quindi la necessità di aumentare gli investimenti nel settore (previsto un aumento dei canali disponibili in HD che arriveranno a 35 entro il 1° agosto e a 50 entro il 2011) anche per raggiungere il target dei 5 milioni di abbonati, non tanto lontano, visto che al momento sono 4.700.000 i clienti Sky. Il tutto senza sussidi statali: “Cresceremo senza sussidi – ha rivendicato con orgoglio l’ad – e non abbiamo bisogno di essere aiutati dallo Stato italiano“.

    Le principali novità riguardano i pacchetti: dal 5 luglio ai clienti verrà offerta la possibilità di accedere ad un pacchetto premium di Sky (Calcio, Cinema o Sport) ed abbinarlo con due pacchetti Mondo a 29 euro al mese (che comprendono la visione in HD). Un’altra offerta punta alla riduzione del costo del decoder My Sky Hd (dal 119 euro attuali ai 59 euro una tantum, inclusi costi installazione) rendendolo disponibile come decoder standard per tutte le nuove installazioni (per i dettagli vi rimandiamo a un prossimo post).
    La guerra con Mediaset Premium, quindi, si fa ancora più dura e poco importa se i canali del Biscione continueranno a non trasmettere i nuovi spot: “Se questa campagna avrà successo anche senza essere trasmessa da Canale 5 non credo sarà una buona notizia per Canale 5“. La guerra continua.

    788