Silvio Berlusconi all’Arena, Giletti: ‘Sembrava teso, ma io non sono la D’Urso’ [VIDEO]

Silvio Berlusconi all’Arena, Giletti: ‘Sembrava teso, ma io non sono la D’Urso’ [VIDEO]

Silvio Berlusconi all'Arena di Massimo Giletti, il presentatore torna sull'intervista e dice: 'Sembrava nervoso, ma io non sono la D'Urso'

    Silvio Berlusconi ospite all'Arena di Massimo Giletti

    L’intervista di Massimo Giletti a Silvio Berlusconi andata in onda ieri in Domenica In – L’Arena ha avuto una grande eco sulla stampa nazionale. L’ex premier è sembrato molto nervoso negli studi del programma di Rai 1 e ha minacciato più di una volta di lasciare lo studio perché troppo “pressato” dalle domande del presentatore televisivo. Tutt’altra atmosfera quella che ha caratterizzato l’intervista a Pomeriggio Cinque qualche settimana fa e più volte citata da Giletti: ‘Sono stato io a citarla per primo, e mi dispiace, mi è sfuggito: non si può criticare qualcuno che fa un altro mestiere. Ma Berlusconi non poteva certo pretendere di fare un monologo di un’ora anche da me‘.

    Berlusconi, durante l’intervista di ieri, ha minacciato più volte di lasciare lo studio, perché a sua detta Massimo Giletti non lo lasciava parlare e lo interrompeva troppo spesso, per il presentatore di Domenica In – L’Arena qualsiasi ospite ‘se accetta un’intervista deve accettare le domande e, aggiungo, i tempi televisivi‘. Massimo Giletti ha sì interrotto un paio di volte l’ex premier che già all’inizio dell’intervista ha minacciato di andarsene via. Una volta interrotto per mandare un rvm (in uno veniva intervistato anche Enrico Mentana, attaccato ultimamente da Berlusconi), un’altra per far commentare l’intervento di Mario Monti all’inviato, l’editorialista del Corriere della Sera Massimo Franco.

    Dopo l’ennesima minaccia, Massimo Giletti si è alzato e ha calmato l’ex premier: ‘Mi sono alzato perché Berlusconi non andasse via: sarebbe stato davvero brutto per chi guardava, una sconfitta innanzitutto per me e una sconfitta anche per l’azienda. E’ stato un momento molto difficile, però ho apprezzato che Berlusconi abbia accettato di rimanere, diversamente da quanto ha fatto dalla Annunziata, per affrontare uno scontro serio: non gli abbiamo certo risparmiato domande, siamo partiti citando Repubblica e l’incontro tra Scalfari e Monti, gli abbiamo chiesto delle candidature o meno di Cosentino e Dell’Utri, gli abbiamo chiesto se davvero la crisi italiana fosse solo colpa di Monti e lì ha perso la testa‘. Una situazione ben diversa a quella vista qualche settimana fa negli studi di Pomeriggio Cinque e citata dallo stesso Giletti: ‘Barbara D’Urso lavora a Mediaset, deve rendere conto a lui. Io devo, e voglio, rendere conto a tutti gli italiani.

    La Rai è di tutti‘, ha detto a La Stampa il presentatore. La D’Urso è stata anche “salutata” a fine intervista da Silvio Berlusconi e Giletti ha incassato il colpo: ‘Si guardi la d’Urso, non è soltanto bella. È anche brava e gentile‘.

    Secondo Giletti Berlusconi è sembrato molto teso, forse il suo atteggiamento era dovuto alle dichiarazioni di Monti durante la consueta conferenza stampa di fine d’anno con la stampa, tensione a parte Massimo Giletti ha commentato che l’intervista è andata molto bene e che si è trattato di ‘un buon momento di televisione‘.

    580