Silvio Berlusconi a Porta a Porta, salta tutto: il Cavaliere stasera non sarà su Raiuno

Silvio Berlusconi a Porta a Porta, salta tutto: il Cavaliere stasera non sarà su Raiuno

La partecipazione di Silvio Berlusconi a Porta a Porta è saltata all'ultimo momento: il leader di Forza Italia non sarà su Raiuno

    L’ospitata di Silvio Berlusconi a Porta a Porta è saltata: il leader di Forza Italia avrebbe dovuto partecipare alla trasmissione di Bruno Vespa, in onda questa sera in prime time e in diretta per parlare delle conseguenze della decisione sulla sua decadenza da senatore, ma all’ultimo momento la sua presenza è stata annullata. E’ probabile che all’interno del partito si sia deciso di non commentare a botta calda la decisione, per evitare dichiarazioni affrettate. Molto meglio attendere, dunque, anche se dal punto di vista televisivo la presenza dell’ex Presidente del Consiglio su Raiuno sarebbe stato un appuntamento da non perdere.

    L’ex premier, quindi, manca l’appuntamento con Vespa, il quale tramite le agenzie ha reso noto che “nella tarda serata Berlusconi ci ha fatto sapere che pressioni famigliari lo hanno indotto a rientrare ad Arcore prima del voto di decadenza e dopo il comizio“. Motivi familiari, dunque, ma molto più probabilmente una scelta di opportunità politica.

    Prima dell’annuncio, per altro, Vespa aveva dovuto fare i conti con una lettera aperta a lui indirizzata dal Movimento delle Lavoratrici e dei Lavoratori Rai INDIGNERAI, nella quale ci si lamentava della prevista ospitata di Berlusconi.

    La Sua trasmissione “Porta a Porta” è definita la “TERZA CAMERA” parlamentare. Ora apprendiamo che potrebbe presto diventare il “QUARTO GRADO DI GIUDIZIO” per i condannati in via definitiva (…) In Italia è ormai purtroppo chiaro che la legge non è uguale per tutti, ma risulta sconcertante ricordare che anche il servizio pubblico non è uguale per tutti ma anzi, per qualcuno è evidentemente un servizio privato.

    La RAI E’ DI TUTTI MA NON DEI CONDANNATI IN CASSAZIONE, altrimenti dovremmo organizzare dei pulmini per andarli a prelevare tutti dagli arresti e ascoltarli in religioso silenzio“.

    Fare un processo alle intenzioni del conduttore di Porta a Porta, in realtà, era quantomeno prematuro: non sappiamo come Vespa avrebbe trattato il caso e l’ospite d’eccezione, ma certo è che avere in studio Silvio Berlusconi sarebbe stato, oltre che uno scoop, anche un dovere giornalistico, considerato che dalle sue sorti politiche – che lo si voglia o no – dipendono anche i destini dell’Italia. Lo stesso Vespa su Twitter ha commentato: “Pensatela come credete, ma il Cavaliere fa ancora notizia più degli altri…“.

    Per il momento, dunque, Berlusconi ha preferito mantenere il silenzio: ma non è detto che gli sviluppi delle prossime ore non possano portare a un nuovo repentino cambio di programma.

    La decadenza di Silvio Berlusconi da senatore rischia di stravolgere i palinsesti televisivi.

    460

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI