Si può fare! Prima puntata 13 aprile 2015 su Rai 1: trionfa Tommaso Rinaldi [Diretta Live]

Si può fare! Prima puntata 13 aprile 2015 su Rai 1: trionfa Tommaso Rinaldi [Diretta Live]

Si può fare! Diretta prima puntata 13 aprile 2015 su Rai 1: trionfa Tommaso Rinaldi [LIVE e recensione]

da in Carlo Conti, Personaggi Tv, Programmi TV, Rai, Rai 1, Recensioni, Talent Show, ambra banijay, Blogcronaca, diretta Rai, Si può fare! 2015
Ultimo aggiornamento:

    Con Carlo Conti Einstein tutto Si può fare! Anche la diretta della prima puntata in onda stasera 13 aprile 2015 su Rai 1 e naturalmente Live dalle 21.00 su Televisionando. Tornano quindi le esibizioni spettacolari di dodici concorrenti in gara: i vip ingaggiati per questa seconda e – vedremo quanto – rinnovata edizione dello show targato Ambra Banijay, altrove già Senza Parole. Sei uomini e sei donne e tante sfide da superare, come abbronzarsi più del conduttore o tentare di essere più diva di Pamela Prati! Infine, Conti avrà ‘contro’ nientemeno che Il Segreto di Canale 5.

    I concorrenti, stasera al debutto, dovranno pensare diverse strategie per affrontare le prove non semplici che sono stati chiamati ad eseguire: dalla disciplina dei piatti cinesi all’escapologia, passando per il trapezio aereo o la specialità ‘mano a mano’. Chi sarà il trionfatore della prima puntata? Ne vedremo delle belle!

    Si può fare! con un po’ di ‘Got talent: La Scelta che non ti aspetti

    La diva Amanda Lear

    Che il ritorno di Si può fare! accendesse il lunedì sera di Rai 1 non era per nulla scontato. Soprattutto dopo una prima edizione insipida, al venerdì sera, e che non sapeva né di varietà né di talent. Evidentemente, però, il successo di Sanremo sembra non aver stancato Carlo Conti, che finalmente ha trattato questo programma come meritava sin da subito: insieme agli autori ha migliorato in almeno una paio di direzioni il format israeliano adattato in Italia.

    La prima. Più che una rispolverata – come poteva sembrare all’inizio – evidentemente si è creduto nel ‘potere’ del lunedì: dopo L’Isola dei Famosi, successo più che mai generalista, anche Rai 1 si è finalmente resa conto di una collocazione pregiata per questo genere di programmi. Già, il genere. Ma di che genere si tratta? E’ un talent show, oggi cristallizzato tale a tutti gli effetti (vedi l’arrivo da Italia’s got talent dell’autore tanto richiesto Giona Peduzzi), ma anche con un pizzico di varietà: con le risate di Biagio Izzo che (ancora?) piacciono al quel pubblico, tanto amato quanto altre volte bistrattato.

    La versione italiana di I can do that è dunque decisamente migliorata rispetto alla prima edizione; complice – come detto – una svolta autoriale con l’arrivo di new entry, ma soprattutto grazie al fatto che si è tornati con intelligenza sugli errori, correggendo con spettacolarità, impegno e soprattutto confezione le esibizioni che l’anno scorso proprio non avevano entusiasmato né per complessità né per via di esecuzioni spicciole: insomma, come a Tale e Quale il programma funziona se non si è superficiali nelle performances.

    L’idea di eliminare ‘La scelta’, il momento dedicato, appunto, alla scelta delle esibizioni future, non certo è da apprezzare. Stesso noi di Televisionando avevamo sottolineato alcune perplessità su questo meccanismo, ma sostituirlo con esibizioni-demo di professionisti (la ruota di Rhon, la piramide umana o il Can Can) è una svolta che mette davanti il talento ‘got talent e non quello del cast, pur riuscito. Perché di concorrenti capaci nel “fare” si tratta.

    La giuria è diventata teatrale: l’esigenza di alcuni di stare sotto i riflettori – non facciamo nomi ma basta guardare la puntata – talvolta diventa un po’ fastidiosa, soprattutto quando dei Vip, artisti, cantanti o showgirl che siano si mettono in discussione e si sentono rispondere che sono belli. Chechi d’altronde deve fare il ‘tecnico’ a tutti i costi, ma poi deve pur chiedere aiuto ad una coach del programma per dare un giudizio immediato. E Conti? E’ funzionale a tutto questo. Nel bene e nel male.

    La prima puntata di Si può fare! 2015: le prove della serata

    Lorella Cuccarini

    21:04 – A caricare il traino di Si può fare! – siamo a pochi minuti dalla prima puntata – ci pensa Lorella Cuccarini ad Affari tuoi.

    21:30 – Debutta la seconda edizione di Si può fare!: sarà Il Segreto di Rai 1? Anteprima con Conti Einstein (come da promo) e si parte: il conduttore, ora in studio, sembra Obama agli esordi. Ricordate Yes, we can? Quindi, è tempo di presentazioni con i concorrenti. Stessa cosa per i giurati Yuri Chechi, Amanda Lear e Pippo Baudo.

    La prima sfida della seconda edizione

    21:35 – E’ già tempo della prima sfida: Amaurys Perez già si spoglia; a petto nudo ‘combatterà’ contro Matilde Brandi per un ‘adagio acrobatico’. Clip con la preparazione insieme al coach (modello Tale e Quale insomma). Non male, quindi tocca alla soubrette: rifarà lo stesso, ma nel ruolo femminile e sulle note di Conchita Wurst. Bell’esibizione.

    21:45 – La parte finale della loro prova è ‘in comune’ sulle note di Katy Perry. Baudo scherza e dà del mascalzone a Yuri (finto come le marche cinesi). Il ginnasta vota per Amaurys; Pippo Baudo tergiversa, ma alla fine vota Matilde Brandi; Amanda Lear flirta con Amaurys e alla fine lo vota pure. Perez vince la prima sfida.

    Amaurys Perez vince la sfida

    21:50 – Dopo la clip con la preparazione, Juliana Moreira fa ginnastica col nastro sulle note di Incanto. Dopo la pubblicità, la sfida continua con Mariana Rodriguez: qualche tensione durante la settimana, ma in studio la rivincita con l’esibizione ancora un po’ spenta. Siamo solo all’inizio della fine…

    22:05 – Amanda Lear vota Moreira e annuncia: ‘Mariana, ti faremo piangere!’. Yuri va sul tecnico e preferisce Mariana (‘Ha espresso più scioltezza’); Pippo Baudo decide le sorti e risolve ‘un dilemma cornuto’ affidandosi al pubblico: Juliana Moreira vince la sfida.

    Trapezio aereo, la prova per Pamela Prati

    22:10 – Terza sfida tra Pamela Prati, over 50, e Costanza Caracciolo: se la giocano con la prova del trapezio aereo. Sfoggiano tutte e tutti degli abiti discutibili…Quindi, Costanza Caracciolo ripete la prova della Prati, ma sulle note di Chandelier di Sia e un po’ più tesa.

    22:15 – Si passa ai voti: Pippo Baudo si becca le ramanzine dalla Lear, le dà della vecchia e alla fine preferisce Pamela Prati (fenomenale, dice); Amanda Lear segue a ruota (Pamela Prati); Yuri decide le sorti…dell’ombelico: vota per Costanza Carocciolo.

    Vince la sfida Pamela Prati.

    Piatti cinesi, la prova di Mario Cipollini

    22:20 – La quarta sfida è tra lo sportivo Mario Cipollini e il comico Biagio Izzo: faranno ridere entrambi nella prova dei piatti cinesi? Che divertente il ciclista! Come roteano bene quei piatti! Quindi, tocca a Izzo che, come al solito, fa il comico. E basta? Ma no, sulle note degli Sheppard, qualche piatto gira e qualcun’altro meno! Qui per le foto con le prime esibizioni.

    22:30 – Biagio Izzo festeggia per il primo voto di Yuri Chechi; Amanda Lear dà dell’orrendo a Mario Cipollini: Izzo ha già due voti e vince la sfida. Pippo Baudo, per quanto serva, vota anche lui Biagio Izzo.

    Biagio Izzo e i piatti cinesi

    22:40 – La quinta sfida è tra l’attore Simon Grechi e il tuffatore Tommaso Rinaldi: i due si scontrano nella specialità escapologia. Parte l’attore: sospeso in aria, deve liberarsi da una camicia di forza. Oddio, alla fine ce l’ha fatta! A livello di respiro il nuotatore è avvantaggiato? Vediamo. Si va ai voti: Baudo (Rinaldi); Chechi (Rinaldi); Lear (Rinaldi). La prova è vinta da Tommaso Rinaldi.

    22:50 – La sesta e per ora ultima sfida è tra Fiona May e Roberto Ciufoli. Comincia l’ex della Premiata Ditta: il suo è un numero con le sfere. Deve farle roteare con leggerezza, senza far girare un altro tipo di sfere. Bravo. Più sensuale e femminile – ma non poteva essere altrimenti – è Fiona May: il vestito fa il suo effetto, anche se la prova è quello che è.

    Fiona May, la prova delle sfere

    23:05 – I giurati si passano la sfera della May tra loro e quindi votano: Pippo Baudo vota per Roberto Ciufoli; Amanda Lear è sorpresa dalla sua grazia e quindi lo vota (Roberto Ciufoli); Yuri Chechi smista il voto e vota Fiona May. La prova è vinta da Roberto Ciufoli. I vincitori delle sei sfide se la giocano ancora, ma è tempo di Nek, primo ospite di Si può fare! ma secondo a Sanremo (Conti gongola per i successi del cantante).

    23:10 – Nek ci saluta e tocca scegliere le esibizioni della prossima settimana: a Mariana Rodriguez-Costanza Caracciolo toccherà la pole dance (vediamo una demo in studio); La ruota di Rhon, invece, sarà eseguita da Tommaso Rinaldi e Roberto Ciufoli.

    La ruota di Rhon tra le esibizioni della prossima settimana

    23:20Mario Cipollini, Biagio Izzo, Amaurys Perez e Simon Grechi: in quattro la prossima settimana dovranno fare invece la piramide umana, mostrata ora in diretta dai fratelli Pellegrini. Scherzetto! Non è vero: troppo complicato! Invece è vero che il ciclista e Perez dovranno fare Flagpay, ovvero gli sbandieratori. Mentre Fiona May e Matilde Brandi si occuperanno di altalena aerea.

    23:35 – All’appello per il prossimo numero mancano in quattro: chi farà il can can? Ma naturalmente la reunion tra Bagaglino, Pamela Prati, e Paperissima, Juliana Moreira. A Biagio Izzo e Simon Grechi, invece, va la super-bici!

    La parte finale

    23:50 – I giudici ai voti per decidere la rosa dei tre finalisti di puntata. Chechi elimina Izzo; Baudo (Moreira); Lear (Ciufoli). Il vincitore di puntata tra Rinaldi-Prati-Fedez.

    23:53Il vincitore della puntata è il tuffatore Tommaso Rinaldi. Secondo Perez, terza Prati. La puntata finisce qui e la redazione di Televisionando vi augura la buonanotte. A breve la recensione dello show in alto all’articolo. Arrivederci a tutti.

    Ci vediamo lunedì

    2158

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Carlo ContiPersonaggi TvProgrammi TVRaiRai 1RecensioniTalent Showambra banijayBlogcronacadiretta RaiSi può fare! 2015 Ultimo aggiornamento: Martedì 14/04/2015 10:31
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI