Shimu, star tv con un destino da casalinga

Shimu - definita da molti giornali americani come la versione ‘orientale’ di Wynona Ryder - è protagonista dello sceneggiato televisivo più seguito del Bangladesh (circa 10 milioni di telespettatori a puntata)

da , il

    shimu alo

    Shimu è una bellissima ragazza, di 13 anni, con occhi neri e un piercing al naso. Il suo sorriso, però, nasconde problemi da adulta: la nonna vuole infatti che lasci la scuola e si sposi, con un uomo più grande e ricco che risolva così i problemi della famiglia.

    Quello che le potrebbe capitare nella vita reale le è già capitato in tv, perché Shimu – definita da molti giornali americani come la versione ‘orientale’ di Wynona Ryder – è protagonista dello sceneggiato televisivo più seguito del Bangladesh (circa 10 milioni di telespettatori a puntata) che racconta dei problemi di una alunna, Alo, 11 anni, bravissima a scuola, ma su cui la famiglia non abbiente preme perché abbandoni gli studi e si sposi o si metta lavorare, cose che lei rifiuta di fare. Il mercoledì sera, oltre dieci milioni di cittadini partecipano al suo dramma, perchè è reale per tutte le adolescenti povere del Paese asiatiche, che la idolatrano in massa. La nonna vorrebbe che si sposi perché “lo sceneggiato televisivo, finanziato a scopo educativo dal governo e dall’Unicef, l’agenzia dell’Onu per l’infanzia, non frutta molto a Shimu, e comunque è un lavoro temporaneo”. “Mi sento depressa, ha detto invece Shimu, ma ci sono altre ragazze nella mia stessa situazione. Anche se in teoria noi femmine abbiamo gli stessi diritti dei maschi, nella pratica siamo spesso discriminate, e la situazione deve cambiare. Più che sposarmi preferisco pensare al futuro, e continuare a studiare”. Una decisione che la nonna avversa, mentre molti ragazzi di Dacca, la sua città, minacciano di rapirla per poi combinare un matrimonio riparatore.