SheZow: su Frisbee i nuovi episodi del cartone travestito che (non) piace all’Italia

SheZow: su Frisbee i nuovi episodi del cartone travestito che (non) piace all’Italia

Dopo la lunga parentesi su Planet Kids, Shezow - il cartoon che racconta un eroe trasformato in eroina, approda coi nuovi episodi in Italiano su Frisbee del digitale terrestre

    SheZow sbarca su Frisbee coi nuovi episodi. Dopo i primi appuntamenti su Planet Kids, SheZow – il cartoon transgender che (non) piace all’Italia approda tutti i giorni su Frisbee con i nuovi episodi in Italiano. Il mondo dei cartoni animati è immenso ma SheZow sembra una vera e propria sorpresa: da studentello maschilista – il protagonista è Guy Humdon – a eroe che si trasforma in eroina per combattere cattivi e pregiudizi, tra tacchi e parrucco à la feuilleton. Su questi temi c’è chi fa polemica e, persino un cartone all’apparenza educativo perché fa capire che “non c’è niente di male nell’essere quello che si è” (oltre ogni violenza di genere), finisce nel mirino delle critiche. Tutto dopo il salto!

    Mentre su Planet Kids (620 di SkyItalia) continuano ad imperversare i vecchi episodi, rigorosamente ‘spalmati’ in tutte le fasce orarie (alle 7.00, alle 9.40, alle 12.00, alle 13.30 della mattina e alle 15.50, alle 17.00, alle 18.00 e alle 19.00 del pomeriggio, e pure la sera dalle 21.10!), su Frisbee – canale 41 digitale terrestre – i nuovi episodi andranno in onda in un orario affine al canale affiliato che propone l’audio in doppia lingua. Le nuove puntata invece andranno in onda a partire dalle 16.45, tutti i giorni dal lunedì al venerdì su Frisbee, che appartiene al gruppo Discovery.

    Galeotto fu l’anello e chi lo mise! Eh, già: sarà proprio l’incontro ravvicinato del protagonista con un magico anello a permettergli di trasformarsi da ragazzetto che rinnega tutto ciò “che non è da uomini” a eroina sui tacchi che salverà il mondo. Ecco la sinossi ufficiale:

    Il dodicenne Guy Hamdon è un ragazzino infastidito, come tutti i piccoli di quell’età, da tutto ciò che è femminile, e che usa spesso con fare divertito lo slogan ‘È una cosa da uomini!’. Un giorno Guy, amante dei giochi spericolati, dello skateboard e dei videogiochi, scopre con sua sorella gemella Kelly un anello nascosto nella vecchia casa di sua zia Agnes, recentemente scomparsa con il suo segreto. Appena indossato, l’anello rosa lo trasforma in un potente supereroe ma… nei panni di una femmina. Il magico gioiello infatti non era destinato a un ragazzo bensì ad una ragazza, ed era infatti il segreto della zia Agnes, che l’aveva indossato prima di lui.

    Da quel momento in poi Guy è SheZow e salverà il mondo.

    Dunque la morale di un cartone così è più che ovvia, ma c’è chi ancora polemizza perché presunto dannoso per lo sviluppo dei bambini. Ma, ricordiamo, senza propositi troppo specifici, che tutti i cartoni hanno ad esempio scene di violenza ma non conta la scena in sé ma come si evolve e come “si rivolve” agli occhi del bambino, naturalmente (e sempre!) accompagnato dai genitori!!! Si vuole confidare nei super poteri di Shizow per aprire gli occhi ai dittatori dell’educazione. Un anello magico, che in fondo è un gioco ma è anche un simbolo contro le discriminazioni, risponderà a tutti i polemici di turno? Ecco la risposta:

    Pronunciando le parole magiche “Vai, ragazza!”, Guy si trasforma in una “wonder woman” dai lunghi capelli, vestito di rosa e stivali con il tacco. Ma quali sono i poteri che il gioiello gli ha donato? Il super-schiaffo, quando la mano diventa enorme e può schiaffeggiare i cattivi a distanza, il rossetto laser, la crema dell’invisibilità, l’urlo supersonico che può far saltare gli edifici.

    Per concludere: pare ci sia differenza tra travestirsi e mascherarsi. Buona visione!

    SheZow

    683