Sformat di Mariano Sabatini – Telese insegue Porro, Di Mare premia Floris… quanto si piacciono questi giornalisti!?

Porro, Telese, Di Mare, Floris: giornalisti che corteggiano giornalisti

da , il

    Nicola Porro Luca Telese

    Al di là delle menate sul rigore e sulla professionalità che dovrebbe spingerci a parlare di altro e degli altri, siamo troppo spesso impegnati a corteggiarci vicendevolmente, noi giornalisti. Adesso poi sono di gran moda le trasmissioni anche interamente congegnate sulle opinioni, cosa assai diversa dalle idee, di firme da salotto che, per usare la saggezza popolare, se la cantano e se la suonano. Penne o tastiere migranti da uno studio all’altro, intercambiabili e spesso più efficaci, come ha fatto notare Enrico Mentana in un suo libro, con i protagonisti della politica. Chi prende la lucina rossa delle telecamere in faccia sembra, inoltre, non esserne mai sazio.

    Ieri sera, tanto per non rimanere nel vago, abbiamo assistito a clamorosi esempi di affettuosità tra colleghi. Luca Telese aveva appena portato a termine il suo In Onda (con due giornalisti l’uno contro l’altro armati, Alessandro Sallusti e Peter Gomez) su la7, i cui studi romani si trovano a via Novaro; a due passi da via Teulada, storico centro di produzione Rai dove si realizza Virus dell’amico Nicola Porro, che Telese si è affrettato a raggiungere per ricostituire l’antica coppia. Divisi ma sempre uniti, che manco Al Bano e Romina.

    Più tardi al Premio giornalistico internazionale Marco Lucchetta, per certi versi anche pregevole: nel programma intitolato I nostri Angeli (in onda in terza serata su Rai1 e firmato da Giancarlo De Andreis, Lucia Leotta, Ario Giorgino, con la conduzione di Barbara Carfagna e Franco Di Mare), hanno dovuto piazzare, tra tanti meritati riconoscimenti a inviati di guerra, un premio a Giovanni Floris; che al massimo rischia l’afonia nella cagnara di Ballarò. Giornalisti del Tg1 che incensavano uno della terza rete, in un empito di grande di fair play. È la stampa, bruttezza, è la stampa… e non puoi farci niente!