Sformat di Mariano Sabatini – Scivolata grottesca per Un posto al sole, da anni cult di Rai3

Anche lo storico Un Posto al Sole di RaiTre a volte commette qualche scivolone di stile

da , il

    guido rapito

    Ci sono programmi, la cui permanenza sullo schermo potremmo dire che si perda nella notte dei tempi, ai quali noi analisti del piccolo schermo trascuriamo di rendere onore. Uno è certamente Un posto al sole, da sempre nel cosiddetto access prime time di Rai3, con esisti d’ascolto e fidelizzazione più che eccellenti.

    La soap opera, una delle rarissime tutte italiane, nacque per volere e intuizione di Giovanni Minoli, neopensionato Rai. È ambientata a Napoli (aspetto non trascurabile), dentro e intorno all’immaginario palazzo Palladini: condominio fronte mare, variamente abitato. La serie, molto ben scritta, fa del minuzioso svolgimento quotidiano – agganciato, tra l’altro, agli eventi d’attualità, per cui non è infrequente il riferimento a fatti e ricorrenze reali, come la Pasqua o il Natale – e dell’accurata costruzione dei personaggi storici le sue principali attrattive.

    Altro nucleo forte è di certo il drappello degli interpreti, con i veterani Marzio Honorato, Marina Giulia Cavalli, Patrizio Rispo, Marina Tagliaferri e Carmen Scivittaro in testa. E alcuni giovani che hanno saputo approfittare della lunga permanenza in video per crescere nelle qualità recitative: Alberto Rossi, Michelangelo Tommaso, Davide Devenuto, eccetera.

    Quello che lo zoccolo duro degli estimatori, veri e propri fanatici che staccano i telefoni per seguire il breve appuntamento dal lunedì al venerdì, maggiormente apprezza è la capacità di sviluppare tematiche familiari credibili, nel rapporto coniugale, tra genitori e figli, tra amici. Pur con qualche scivolone grottesco, come quello della pazza che tiene Guido (Germano Bellavia) legato al letto per assecondare la sua frenesia sessuale. Stile Cinquanta sfumature di grigio a parti invertite, e piuttosto improbabili. La routine è pesante per tutti, dentro e fuori dalla finzione narrativa.