Sformat di Mariano Sabatini – Quinta colonna, L’Aria che tira e l’approfondimento di moda

Sformat di Mariano Sabatini – Quinta colonna, L’Aria che tira e l’approfondimento di moda

Quinta colonna ha ottenuto la striscia dal lunedì al venerdì con l’aggiunta del sottotitolo Il Quotidiano

    Quinta colonna il quotidiano Paolo del debbio

    C’è grande differenza, come potete immaginare tra approfondimento dei fatti e rimescolamento di essi. A Roma si dice buttarla in caciara, a Napoli fare ammuina… Aiutati, in questo senso, dal populismo, venato di qualunquismo (e altri “ismi”, a scelta), che montano nel paese, molti programmi pensano di avvantaggiarsene, puntando in taluni casi alla sopravvivenza, in altri potendo aspirare addirittura a una promozione. È il caso di Quinta colonna che – superato il flop a cui lo aveva condannato un presentatore efficacissimo coi defunti, molto meno coi sopravviventi – è rinato nelle sapienti mani di Paolo Del Debbio. Dico sapienti perché al sociologo in questione si deve il manifesto ideologico di Forza Italia; a voi giudicare quanto questo dato lo renda imparziale nella lettura dell’attualità.

    Ebbene, dando voce alle grida della gente nelle piazze, Quinta colonna ha ottenuto la striscia dal lunedì al venerdì con l’aggiunta del sottotitolo Il Quotidiano, in onda su Retequattro dalle 20.30 alle 21.15, in diretta concorrenza con Otto e mezzo, talk show di tutt’altre atmosfere e raffinatezza su La7. La ricetta è sempre la stessa: quattro rappresentanti del Palazzo, quelli del centrosinistra scelti con estrema cautela, dati in pasto alle ire funeste di chi non ciancia di politica ma deve misurarsi ogni santo giorno con i provvedimenti presi o non presi da essa. Del Debbio procede a vista, fomentando o placando gli animi, con l’unico apparente obiettivo di garantire alla rete il massimo del frastuono possibile.

    Su La7, del resto, un quotidiano del mattino nato per sviscerare le conseguenze della crisi economica e finanziaria sulla vita delle famiglie si è rapidamente tramutato, assecondando L’Aria che tira, nell’ennesimo ring politico, a cui partecipano volentieri le firme più chic del giornalismo nostrano.

    Dev’essere la cura Cairo, che ha ravvisato nella conduttrice, la veracissima Mirta Merlino, una delle fulgide risorse della rete (l’altra è Tiziana Panella di Coffee Break). Non è chiaro come possa essere utile alla signora Rita di Scampia sentire Vauro urlare in modo scomposto, con il nuovo libro pubblicato da Piemme (e dunque da Mondadori della Berlusconi’s family) sotto al braccio. Certo serve agli ascolti, tanto ci basti.

    398

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Sformat