Sformat di Mariano Sabatini – La Tv farebbe bene a darsi una calmata, così com’è trasferisce solo ansie

Nuovo appuntamento con Sformat di Mariano Sabatini che sul ruolo della televisione attraverso l'analisi di due programmi: Uno Mattina su Raiuno e Storie su Raitre

da , il

    Elisa Isonardi Uno Mattina 2012 Rai

    In Tv vanno tutti sempre di fretta, non si sa diretti dove né perché. Uno dei passaggi obbligati della giornata televisiva è senza dubbio Uno Mattina, divisa in questa stagione in segmenti tematici e nella prima fascia dedicata all’attualità. Gli argomenti sono sempre interessanti, con conduttori all’altezza del ruolo e ospiti appropriati, quasi sempre sovrabbondanti però. Elisa Isoardi è molto migliorata, presenza gradevole di primo mattino; Franco Di Mare, corrispondente di lungo e apprezzabile corso, un po’ affettato, si è dato il compito di mozzare la parola agli interlocutori presenti in studio o in collegamento che sforino i secondi loro assegnati.

    Come una delle tre Parche della mitologia classica, il giornalista nel più classico dei modi spezza il filo non della vita ma del discorso e dell’attenzione di chi segue da casa. Non è colpa sua, ovviamente: la Tv ha le sue regole, le scalette, i tempi, le convenienze, basterebbe allora inzeppare il parterre di meno persone. Se poi aggiungiamo i vari politicanti che si danno sulla voce e ripetono a macchinetta “Io non ti ho interrotto, non m’interrompere!”, si può ben comprendere come il piccolo schermo tenda a nutrire moltiplicare le ansie già così diffuse. La cosa riguarda un po’ tutti.

    Salutiamo con piacere il ritorno su Raitre delle Storie di Corrado Augias, sempre con un piede sull’orlo dell’auto-pensionamento dal video e sempre in onda. Propone incontri di un quarto d’ora, alle 12.45, con personalità della cultura, della politica, dell’arte. In studio c’è una classe di liceo con relativo insegnante. Gli uomini e le donne di domani, sovente spaesati, alle prese con un signore divenuto (che volete, gli scherzi dell’età!) un tantino bizzoso e che fa loro domande incalzandoli a rispondere con sollecitudine. Meglio se come piace a lui. È l’approfondimento… non troppo profondo, mi raccomando.