Sformat di Mariano Sabatini – Imu o no… La seconda casa (con quello che costa) non si scorda mai

da , il

    Paola Marella

    La casa in Italia è un bene primario. Sarà per questo che su Sky sovrabbondano i format, ascrivibili alla factual tv, che aiutano a trovare l’abitazione ideale. Paola Marella, la Crudelia dell’immobiliarismo italico, ci ha costruito una carriera. Conduttrice di Cerco casa disperatamente e similari su Real Time, aiutata dalla fisiognomica si è conquistata una solida riconoscibilità, ma attenzione… sconsigliato l’approccio a chi possegga un gruzzolo al di sotto del milione di euro. Anche se il budget richiesto risultasse inferiore, lei ha l’aria di quella che agli spiantati non rivolge neppure la parola.

    Su Dove Tv, il mercoledì alle 22 (con diverse repliche), va La seconda casa non si scorda mai, con Giulia Garbi e Nicola Saraceno impegnati a sfidarsi, per convincere la famigliola di turno a scegliere una delle case proposte. Giunto alla terza edizione, il format si rivolge – lo si evince fin dal titolo – a quei fortunati che avendo già una residenza sicura, potendoselo permettere, mirano ad averne un’altra. Magari per le vacanze. Significativo che una villetta indipendente nei pressi di Orvieto richieda un esborso molto vicino al mezzo milione di euro. Alla salute! Di questi tempi, e con il dibattito apertissimo sulla famigerata Imu (si pagherà in giugno la nuova rata? Ci verrà restituita quella già versata?), si capisce che anche i meno abbienti si facciano irretire dai vagheggiamenti immobiliari. Sognano per interposta persona.

    Mentre sullo stesso canale sono in programmazione le repliche ridoppiate in italiano di La nostra prima casa, in cui aspiranti proprietari riescono con l’aiuto di Sandra Rinomato a centrare l’obiettivo di una casetta a schiera, nei sobborghi di Toronto, con un anticipo di 15mila euro e un totale di 170mila euro. A voi le opportune valutazione su dove acquistare e a chi affidarvi.