Sformat di Mariano Sabatini – Il fascino del telemercato anche solo per immaginare il rinnovamento della tv

Sformat di Mariano Sabatini – Il fascino del telemercato anche solo per immaginare il rinnovamento della tv

Grandi manovre di cambiamento in televisione per puntare su nuove professionalità

    La Vita in Diretta Mara Venier e Marco Liorni

    Il telemercato ha il suo fascino, lasciando intravvedere scenari che magari non si realizzeranno ma che hanno in sé un portato di rinnovamento di cui la tv generalista ha grande bisogno; anche nella dimensione del virtuale. Se ne leggono tante e chissà nelle segrete stanze dei signori dei palinsesti quali di queste ipotesi prenderà forma. Proviamo allora a vagliare qualcuna di queste opzioni.

    A La vita in diretta, su Raiuno, è data in partenza Mara Venier; con tutta evidenza, tanto efficace in onda nel creare un clima di artificiale allegria salottiera, quanto incline agli scontri dietro le quinte (si parla di una controversia legale con una delle sarte di scena). Al suo posto potrebbe arrivare, dopo che era circolato il nome della “simpaticona” Paola Perego, lady Cristina Parodi. Se è vero che l’ex giornalista del Tg5, attualmente tra i giurati di Milly Carlucci ad Altrimenti ci arrabbiamo, è reduce dal tonfo clamoroso del contenitore pomeridiano su La7, è altrettanto vero che la conduttrice porterebbe sull’ammiraglia Rai le sue cifre di misura, buon gusto, eleganza.

    Da La7, che a questo punto diventa il vivaio ufficiale di viale Mazzini, dovrebbe arrivare a Raidue anche il vicedirettore del Giornale, Nicola Porro, attualmente in tandem con Luca Telese a In Onda. Finalmente, dalla dipartita di Michele Santoro, un altro giornalista – stavolta di stampo conservatore – potrà “cucinare” l’attualità in un nuovo talk show di approfondimento.

    Sempre che Porro ce la faccia a centrare l’obbiettivo e a portare avanti il progetto ambizioso, per lui un gran balzo in avanti nella carriera.

    Svolta gratificante anche per Gianni Milano – volto di Uno Mattina estate nonché inviato Rai di programmi come Sereno variabile – candidato a supplire Massimo Giletti a L’Arena di Domenica in. Al di là dei singoli casi, che giudicheremo se sarà il caso alla prova dei fatti, potremmo dire che la peggior condanna per il piccolo schermo è l’immobilismo che lo caratterizza.

    375

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Sformat

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI