Sformat di Mariano Sabatini – Annunziata, alla prova Leader, andrà meglio al secondo appuntamento

La prima prova di Lucia Annunziata a Leader non ha convinto

da , il

    Lucia Annunziata Leader

    Speriamo che stasera, al secondo appuntamento, l’ottima Lucia Annunziata sia meno emozionata e riesca condurre un confronto meno confuso a Leader su Raitre. La giornalista campana è tra le poche che, tutte le domeniche a In ½ h, costringe i massimi esponenti politici nell’angolo di risposte più chiare possibili. Con domande incalzanti su aspetti poco illuminati delle cronache, Annunziata sa come costruire un’intervista televisiva interessante e tesa (fino a mettere in fuga, ricorderete Berlusconi, chi abbia brama di mero predominio): conosce meno, e si è visto la scorsa settimana, le astuzie di chi deve tenere insieme più voci discordanti.

    Alla “prima” si preoccupava di non fare, parole sue, la parte della preside arcigna; ha finito con l’impersonare il ruolo della professoressa stonata, che sbaglia i nomi, chiede aiuto ai presenti, fa la mozione delle amicizie (Geremicca, Amurri, Sannino). Dopo le pause pubblicitarie, presa dagli appunti, l’assistente di studio le doveva urlare “vai!” per svegliarla. È andata nel pallone, suscitando quasi tenerezza.

    Leader si prefigge di portare i politici tra la gente, perciò il set è stato allestito in un hotel romano, con le vetrate che danno su piazza Montecitorio. In studio viene convocato lo staff al completo di una delle liste in marcia verso le prossime elezioni, messo al cospetto, ed è qui la novità, dei cittadini, elettori, rappresentanti delle associazioni civili. Bene, dio solo sa quanto sia urgente innovare la stanca ritualità dei tanti talk show che si ripetono a tutte le ore, su tutte le reti. Annunziata ci prova, ma non si rende la vita facile facendo sedere tra gli ospiti il solito Alessandro Sallusti, bravissimo ad incunearsi per creare scompiglio. A quel punto solo un Santoro o un Floris possono governare la canèa. Annunziata si è rivelata fin troppo tenera, poco leader per l’appunto; ammettendo, tra l’altro, di aver condotto malissimo. Andrà meglio stasera, provocatori permettendo.