Servizio Pubblico dedica uno speciale domenica all’Anno di Grillo

Servizio Pubblico dedica uno speciale domenica all’Anno di Grillo

Michele Santoro dedica una puntata speciale di Servizio Pubblico a Beppe Grillo

    L’eco dell’elezione del sindaco di Parma, il grillino Federico Pizzarotti, è ancora viva nei programmi di approfondimento giornalistico. All’ottimo risultato del partito (a)politico creato dall’ex comico Beppe Grillo e cosa questa vittoria rappresenta sarà l’oggetto di una puntata speciale di Servizio Pubblico, in onda domenica 27 maggo alle 21 su Cielo: l’Anno Grillo. Già nella puntata di giovedì scorso il giornalista – che da sempre appoggia il comico-politico genovese – lo ha criticato per il suo modo “qualunquista” di attaccare tutti (il video in apertura).

    Giovedì a Servizio Pubblico (vi ricordiamo che già da qualche tempopotete seguire il talk show di Santoro in streaming sul nostro sito) Santoro ha criticato pesantemente Beppe Grillo: ‘Caro Beppe, tu dici che noi conduttori, come i politici, siamo tutti morti. Ma, sui tempi lunghi, ti assicuro che anche i comici lo saranno, è normale. Non è normale, invece, che i giornali di Berlusconi e gli amici di Bisignani ti applaudano tanto quando tu attacchi tutta la TV indifferentemente, ma tu hai bisogno di dire che siamo tutti uguali. Ne hai bisogno perché devi tenere i tuoi ragazzi lontani dalle telecamere e devi anche consentire al tuo piccolo fratello e socio Casaleggio di controllare bene la situazione, perché: “Movimento” va bene, ma non troppo‘.

    L’entusiasmo della stampa alla vittoria per la vittoria di Grillo sarà l’oggetto di una puntata di Servizio Pubblico speciale. Cosa succede dopo la vittoria del Movimento Cinque Stelle? Come mai il partito dell’ex comico si è imposto alle ultime elezioni amministrative? Il viaggio in questo Anno di Grillo parte dal lontano si parlerà di crisi, sfiducia dei cittadini nei confronti nella politica e la (presunta) morte dei partiti politici.

    Un’atmosfera che ricorda un poco le elezioni del 1994, nelle quali si impose il partito di Silvio Berlusconi e la Lega di Umberto Bossi, che risale al 2008, anno in cui scoppiò la crisi economica. A farne le spese fu la sola Islanda, il primo Paese a fallire e a riuscire a rimettersi in piedi chiudendo tutte le banche. Durante l’Anno di Grillo verrà trasmesso il documentario in esclusiva Payback Time In Island. Un appuntamento da non perdere…

    398