Sciopero sceneggiatori, si aprono le prime crepe nel fronte WGA?

Sciopero sceneggiatori, si aprono le prime crepe nel fronte WGA?

    wga strike

    E’ presto per dire se succederà qualcosa, ma pare che la base della Writers Guild of America (tra cui membri molto autorevoli) stia spingendo affinché i vertici tornino al tavolo delle trattative.

    Secondo il Los Angeles Times, alcuni membri della WGA (tra cui molti di quelli che sono ai picchetti) sarebbero “poco contenti” del fatto che i negoziati con l’AMPTP siano saltati venerdì, peraltro su punti definiti “secondari” rispetto al vero nocciolo della questione: i pagamenti per la diffusione e il download da internet, e i nuovi media in genere. Craig Mazin, ex membro del direttivo della WGA assai critico con i leader del sindacato, ha spiegato che i “new media sono l’unica cosa che conta, ciò per cui siamo andati in sciopero”.

    wga strike

    Come dimostrano anche i numeri sul sito dell’AMPTP, lo sciopero – che dura ormai da sei settimane – sta costando un sacco di soldi agli sceneggiatori, molti dei quali ritengono che se i registi aprissero le loro trattative perderebbero molto del loro potere contrattuale, visto che la DGA potrebbe fare richieste diverse da quelle della WGA, e concludere in fretta i negoziati (è noto che storicamente le contrattazioni dei registi si concludono in pochissimo tempo, ndr). Due gruppi di sceneggiatori hanno incontrato martedì e mercoledì gli “addetti alle contrattazioni”, i quali hanno accettato di farsi vedere ai picchetti sperando di calmare le paure. Gli stessi vertici hanno però smentito di aver ricevuto “molte lamentele”, e hanno accusato l’Alliance of Motion Picture and Television Producers di diffondere false informazioni per far credere che ci sia uno scisma: “Questa è un’organizzazione democratica che dà valore a tutti i suggerimenti e le opinioni dei suoi membri”, ha spiegato un portavoce. “Quando abbiamo spiegato le nostre motivazioni ai due gruppi, hanno capito che questa è una macchinazione dell’AMPTP per tentare di dividerci”. Che però gli sceneggiatori (o i loro vertici) abbiano forse perso un po’ il senso delle trattative lo si evince anche dalle parole di Patrick Verrone, il quale ha spiegato che oltre a tutti i motivi per cui si sciopera, “è nostra intenzione avere per contratto anche l’ultima parola sui contenuti di tutti i reality”.

    wga strike

    Tornando al discorso DGA, va (ri)detto che il sindacato dei registi ha indetto una riunione per discutere di strategie da adottare nelle trattative, anche se 300 registi/sceneggiatori hanno chiesto ai loro ‘capi’ di non condurre trattative finché gli sceneggiatori non hanno risolto la loro disputa (non che una risoluzione sia programmata in tempi brevi, visto che ad oggi non ci sono ancora piani per nuove trattative, e che il clima è più avvelenato che mai, con le due parti che si accusano a vicenda). Il sindacato ha speso oltre 1 milione di dollari per studiare i vari punti all’ordine del giorno, soprattutto per avere un rapporto dettagliato sui media, i cui risultati verranno esposti nel meeting di stanotte: “Ci stiamo preparando a questi negoziati da oltre un anno, ha spiegato Gilbert Cates, capo dei negoziati per i registi. L’AMPTP è nervosa perché non sanno che futuro li attende: tutti noi vogliamo parte dei guadagni derivati da internet, la differenza sta nell’approccio diverso che noi useremo”.

    wga strike

    Intanto, il sindacato degli sceneggiatori (che è disposto a picchettare tutte le cerimonie di premiazioni, escluse quelle degli attori visti i buoni rapporti tra le due parti) ha annunciato le nomination per i suoi WGA Awards: rimane da vedere, come per quasi tutte le altre premiazioni, chi sarà il conduttore dell’evento (anzi, degli eventi, visto che sono previsti due show a Los Angeles e New York). Di seguito, le nomination:

    _Dramatic Series: “Dexter,” Showtime; “Friday Night Lights,” NBC; “Mad Men,” AMC; “The Sopranos,” HBO; “The Wire,” HBO.

    _Comedy Series: “Curb Your Enthusiasm,” HBO; “Entourage,” HBO; “Flight of the Conchords,” HBO; “The Office,” NBC, “30 Rock,” NBC.

    _New Series: “Damages,” FX; “Flight of the Conchords,” HBO; “Mad Men,” AMC; “Pushing Daisies,” ABC; “The Sarah Silverman Program,” Comedy Central.

    _Episodic Drama: “Final Grades,” “The Wire,” HBO; “The Second Coming,” “The Sopranos,” HBO; “The Round File,” “The Closer,” TNT; “Flashes Before Your Eyes,” “Lost,” ABC; “The Hobo Code,” “Mad Men,” AMC; “The Dark Defender,” “Dexter,” Showtime.

    _Long Form, original: “Pandemic,” Hallmark Channel; “The Lost Room, Night One,” “Nights Two and Three,” Sci-Fi Channel.

    [AGGIORNAMENTO delle 11,20]: Secondo Variety, il presidente della DGA, Michael Apted e Gil Cates, sono stati autorizzati a cominciare “al più presto e in qualunque momento” (secondo un insider del sindacato dei registi, probabilmente ad inizio 2008) le trattative con l’AMPTP: l’annuncio del via sarà dato al massimo entro domani (giorno in cui vi forniremo maggiori informazioni).

    895

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alliance of Motion Picture And Television ProducersAttualitàSerie TvDirectors-Guild-of-Americawga-awardsWriters Guild of America