Sciopero sceneggiatori, le due parti dialogano ma sono ancora distanti

Sciopero sceneggiatori, le due parti dialogano ma sono ancora distanti

Variety scrive che lo sciopero potrebbe non avere fine prima di marzo

    wga strike 2007

    Ancora niente buone notizie sul fronte sciopero: le trattative tra la Writers Guild of America e l’Alliance of Motion Picture and Television Producers continueranno anche oggi, ma le due parti sono distanti e addirittura Variety scrive che lo sciopero potrebbe non avere fine prima di marzo.

    Secondo fonti vicine alle due parti, la WGA ritiene insufficienti i “fondi” stanziati per la distribuzione delle serie tv e dei programmi tv in generale sui nuovi media, e a dispetto dei toni cordiali dei comunicati, non c’è un accordo.

    “Nei due giorni passati (ieri e lunedì, ndr), ha scritto la WGA in un comunicato, abbiamo avuto, per la prima volta, conversazioni rilevanti su quelli che sono i bisogni degli scenegiatori, perlopiù incentrate sui compensi”. Da parte sua, la AMPTP ha fatto sapere che “La ‘nuova partnership economica’, che propone 130 milioni di dollari, in aggiunta ai 1,3 bilioni di dollari che gli sceneggiatori ricevono e già rifiutata dalla WGA, è una buona offerta”, ma il sindacato degli sceneggiatori ha spiegato che “attende ancora risposte dall’AMPTP sulla distribuzione via internet e i download digitali di produzioni teatrali e televisive”. Gli studios sono comunque fiduciosi che la trattativa possa risolversi a breve: “Siamo convinti che riusciremo a trovare un patto giusto e ragionevole, e crediamo che ci siano delle posizioni comuni tra le due parti affinché entrambe possano prosperare in quel mercato globale moderno e in rapido cambiamento”.

    296

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE