Sciopero degli sceneggiatori, i Grammy ottengono una deroga

Sciopero degli sceneggiatori, i Grammy ottengono una deroga

“I musicisti hanno a che fare con le stesse questioni che ci preoccupano, riguardo all’equo compenso per l’uso del loro lavoro nei nuovi media”, ha spiegato Patrick Verrone

    sciopero sceneggiatori

    “I musicisti hanno a che fare con le stesse questioni che ci preoccupano, riguardo all’equo compenso per l’uso del loro lavoro nei nuovi media”: con questo comunicato gli sceneggiatori (per bocca di Patrick Verrone) hanno spiegato ieri di aver preso, “nell’interesse di perseguire il nostro obiettivo di ottenere un contratto giusto”, la decisione di concedere ai Grammy una deroga.

    Ken Ehrlich e lo sceneggiatore/giornalista David Wild hanno ottenuto il permesso di scrivere la cerimonia, una concessione che non era poi così scontata anche se la settimana scorsa la WGA aveva fatto una parziale apertura accettando di non picchettare i Grammys, anche se già da prima artisti del calibro di Carrie Underwood, Beyonce, Foo Fighters, John Paul Jones, Rihanna e il gruppo funk Time avevano fatto sapere che avrebbero presenziato alla premiazione. Con la concessione di una deroga, la Recording Academy potrà ora chiedere ai membri della Screen Actors Guild di presentare o esibirsi durante la cerimonia. “La Recording Academy è onorata dalla decisione della WGA di garantire un accordo ad interim, accordo da noi richiesto per festeggiare la pietra miliare del nostro cinquantesimo anniversario.

    Avere i nostri talentuosi sceneggiatori garantisce un alto livello di creatività e innovazione, qualcosa che il nostro pubblico si aspetta ogni anno. I fan della musica che ci guardano da ogni parte del mondo possono aspettarsi per il 10 febbraio uno degli show più memorabili di sempre”. Quanto alle trattative, secondo Kristin di E! Online, nonostante l’ottimismo sparso, la parola d’ordine dovrebbe essere “con cautela”, perché nonostante i rumors che “la fine è vicina”, alcuni insiders le hanno detto ieri che l’AMPTP ha rifiutato le proposte fatte dalla WGA…lunghe nuove, buone nuove? Lo speriamo tutti…

    340