Sciopero degli attori, i supporters della Unite for Strength

Mentre sul fronte dello sciopero c’è un nulla di fatto (ricordiamo che domani scadrà il termine dell’ultimissima offerta dell’AMPTP), Tom Hanks, Alec Baldwin, Felicity Huffman, Marcia Cross, Rob Lowe and Patricia Heaton sono alcuni degli attori che hanno dato il loro sostegno alla neonata Unite for Strength, unione di attori che contenderà la leadership della SAG alla corrente (ad oggi leader) della Membership First nelle prossime elezioni

da , il

    sally field

    Mentre sul fronte dello sciopero degli attori c’è un nulla di fatto (ricordiamo che domani scadrà il termine dell’ultimissima offerta dell’AMPTP), Tom Hanks, Alec Baldwin, Felicity Huffman, Marcia Cross, Rob Lowe and Patricia Heaton sono alcuni degli attori che hanno dato il loro sostegno alla neonata Unite for Strength, unione di attori che contenderà la leadership della SAG alla corrente (ad oggi leader) della Membership First nelle prossime elezioni.

    La Unite for Strength ha schierato 31 candidati per 33 posti (11 nel board e 22 ‘alternativi’) per il national board: le elezioni si terranno il 18 settembre, e la UFS ha già mandato ai 120.000 membri il suo programma, centrato sulla ‘reunion’ con l’AFTRA per aumentare la forza negoziale al tavolo con le majors.

    Al momento, dicevamo, Membership First domina il sindacato, ed è impegnata in una lotta con l’AFTRA per via del contratto che il sindacato ‘minore’ ha stipulato e ratificato con le majors: uno smacco, visto che proprio sulle sue capacità di negoziare la SAG si gioca tutto.

    Nell’annunciare i suoi sostenitori, la Unite for Strength ha incluso una lettera di Sally Field, una delle supporter della prima ora, che è molto critica con Membership First ed il presidente SAG, Alan Rosenberg. “Invece di concentrarsi sui negoziati per il contratto, è il sunto della lettera della Field, la maggioranza del ‘Membership First’ ha deciso di scontrarsi con l’AFTRA, nosto sindacato gemello, facendo diminuire il nostro potere contrattuale. E’ questo che vogliamo per il futuro?”

    La star di “Brothers & Sisters” e due volte premio Oscar invita i suoi colleghi a “sostenere i dissidenti” e a “porre fine a questa guerra insensata. Unendoci all’AFTRA, e facendo fronte comune, potremmo veramente combattere per migliori opportunità lavorative e salariali“.

    Tra gli altri sostenitori della Ufs troviamo Lewis Black, Stephen Collins, Tim Daly, Jeff Daniels, Victor Garber, Sarah Michelle Gellar, Anthony LaPaglia, William H. Macy, Gary Sinise e Tony Shalhoub.