Sciopero, attori e majors si incontreranno il 3 e il 4 febbraio

Sciopero, attori e majors si incontreranno il 3 e il 4 febbraio

Stamattina l’annuncio che Sag e Amptp si incontreranno il 3 e il 4 febbraio per discutere dei contratti, ieri l’annuncio all’unità: comincia bene, dunque, il lavoro di David White come direttore esecutivo della Sag, ruolo che gli è stato affidato dopo il licenziamento di Doug Allen

    David White

    Ieri l’annuncio che Sag e Amptp si incontreranno il 3 e il 4 febbraio per discutere del nuovo contratto, martedì l’appello all’unità: comincia bene, dunque, il lavoro di David White (nella foto) come direttore esecutivo della Sag, ruolo che gli è stato affidato dopo il licenziamento di Doug Allen.

    Credo, ha detto White in un messaggio diffuso martedì pomeriggio, che sia ora di voltare pagina e accantonare gli aspetti più distruttivi della nostra politica, perché in tempi di cambiamenti difficili, non avremo successo se non lavoreremo insieme”.

    Insomma, come avevamo scritto ieri, lo sciopero degli attori si allontana sempre più, non solo perché il licenziamento di Doug Allen ha eliminato uno dei personaggi più discussi dell’ ‘amministrazione Rosenberg’, ma anche perché, dicevamo stamattina, le majors hanno acconsentito a tornare al tavolo delle trattative.

    Al momento Sag e Amptp, oltre all’annuncio di un nuovo tavolo, non hanno aggiunto ulteriori dettagli, ma ovviamente si parlerà del contratto già offerto lo scorso giugno, sperando di raggiungere un accordo (magari con qualche ritocco) che permetta il successivo voto di ratifica: l’incontro di febbraio sarà il primo post meeting di novembre, quello fallito sotto il mediatore federale.

    All’incontro, ma non è certo, dovrebbero partecipare John McGuire, nuovo capo dei negoziatori, e David White, assieme ai membri della nuova task force di ‘trattativisti’ dopo che la precedente squadra è stata liquidata assieme ad Allen.


    Ovviamente per quanto la situazione sia notevolmente migliorata, questo non significa che le acque siano calme: alla faccia dell’unità invocata da White, il presidente della Sag, Alan Rosenberg, ha di nuovo diffuso un messaggio in cui accusa i moderati di aver sabotato le trattative per creare caos e confusione.

    Il sabotaggio è stato attuato in maniera consistente e intenzionalmente, così da far apparire inetta la nostra leadership. Il licenziamento di Allen è avvenuto perché Doug era semplicemente troppo bravo, forte e pro-sindacato”.

    463

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI