Sci Fi Channel dà il via libera a Sanctuary

Sci Fi Channel ha dato il via libera a “Sanctuary“, prima serie televisiva ad usare set virtuali già usati al cinema per film come “300″ e “Sin City”

da , il

    sanctuary

    Sci Fi Channel ha dato il via libera a “Sanctuary“, prima serie televisiva ad usare set virtuali già usati al cinema per film come “300″ e “Sin City”.

    Ricordiamo che la serie era “nata” sul web, con un sito internet dove il pilot, spezzato in otto miniepisodi, poteva essere scaricato in formato standard e ad alta definizione, con tanto anche di sottotitoli in lingua: adesso passa in tv, con la rete che ad inizio settimana ha ordinato 13 episodi. Prodotta da Stage 3 Media, sceneggiata/prodotta da Damian Kindler e diretta/prodotta da Martin Wood (terzo produttore, Sam Egan) la serie vede nel cast molti volti noti di Stargate, tra cui Amanda Tapping (l’enigmatica dottoressa Helen Magnus), Robin Dunne (il protege della protagonista, Will Zimmerman, entrambi impegnati a rintracciare e proteggere delle strane creature), Emilie Ullerup e Christopher Heyerdahl. “Siamo stati molto colpiti dal livello raggiunto con un basso budget, sottolinea Mark Stern vicepresidente alla programmazione di Sci Fi, ed abbiamo amato il mondo da loro creato e il loro approccio alle riprese, soprattutto perché hanno usato un set virtuale, finora usato solo per il cinema, per girare un prodotto per la tv. Anche se alcuni network hanno già provato a percorrere questa strada (la ABC con “Dinotopia”, ndr), è la prima volta che questa tecnologia può essere usata nel pieno delle sue potenzialità e con costi contenuti”. Per il debutto televisivo, verrà rigirato un nuovo pilot da due ore, che pur usando alcune riprese del pilot visto via web, espanderà alcuni personaggi e userà effetti speciali che rendono meglio sul piccolo schermo.