Scappati con La Cassa, delle Iene non si butta nulla

Scappati con La Cassa, delle Iene non si butta nulla

Da questa sera alle 23

    Scappati con la Cassa, in replica su Italia1

    Va in onda questa sera alle 23.30 su Italia1 Scappati con la Cassa: il nome forse vi dirà qualcosa: si tratta infatti di un programma realizzato dal team de Le Iene per il Natale 2007 ora rieditato per un ciclo di tre appuntamenti in onda al lunedì. Alla conduzione Sabrina Nobile.

    Delle Iene non si butta via nulla: lo dimostra la decisione di Italia1 di recuperare un format sperimentale, lanciato con successo nella pausa natalizia del 2007, incentrato sul ‘recupero’ di truffatori più o meno celebri, di certo passati sulle pagine di cronaca della stampa italiana, che sono scappati all’estero con il bottino e si sono rifatti una vita, spesso lussuosa, con i proventi delle loro gesta.

    Per Scappati con la Cassa si misero all’epoca sulle loro tracce Giulio Golia, Matteo Viviani e Luigi Pelazza, che non solo li hanno rintracciati, ma anche intervistati, dando loro la possibilità di tornare indietro per affrontare in studio le proprie vittime.
    Nella prima puntata, in onda stasera, vedremo Giulio Golia alla ricerca di Vincenzo Canese, ex fiscalista lericino condannato a sette anni di reclusione per l’appropriazione indebita di oltre due miliardi di lire che gli avevano consegnato ottanta commercianti spezzini affinché pagasse tasse e imposte. Loro si sono scoperti improvvisamente ’evasori’, perseguiti dal Fisco, lui ha evitato il carcere, grazie al doppio passaporto con cittadinanza italiana e svizzera. In studio alcune delle decine di famiglie che si erano fidate di lui e che nel giro di poco, con continui pignoramenti da parte dello stato, hanno perso tutto quello che avevano.


    Nella prossime puntata dovremmo rivedere Matteo Viviani alle prese con Gianluca Merchiori, per anni segretario provinciale di Rifondazione comunista a Ferrara per poi diventare imprenditore finanziario. Garantendo a tutti interessi record, dal 2 al 4% al mese, all’inizio puntualmente versati, poi scomparsi del tutto. Come l”imprenditore’, fuggito ai Caraibi con due milioni di euro.
    Infine si chiude con Luigi Pelazza, arrivato fino a Bogotà per scoprire che fine avesse fatto Alberto Soliani, un uomo che ha preso in giro i suoi amici più cari e la sua famiglia, scappando con più di un milione di euro.

    Certe storie non passano mai di moda.

    426

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE