Santoro, Sciarelli :”Ha molti nemici perché fa buona informazione”. Masi in bilico?

Federica Sciarelli difende Michele Santoro; Mauro Masi in bilico?

da , il

    Michele Santoro, Federica Sciarelli, Mauro Masi

    Michele Santoro continua a tenere banco nelle vicende di casa Rai: mentre è in corso la riunione del CdA nella quale il Dg Mauro Masi ha deciso di chiedere la sospensione del conduttore per l’attacco ‘frontale’ sferratogli nell’anteprima di Annozero della scorsa settimana, Federica Sciarelli, da anni alla guida di Chi L’Ha Visto?, è scesa in campo per difendere il collega. Lo spunto le viene dato dalla decisione di Santoro di pubblicare il suo Cud 2010 sul sito di Annozero: “Bene ha fatto Santoro a pubblicare il Cud Quello della pubblicazione degli stipendi è un falso problema; Parlano del suo stipendio perché non sanno come farlo fuori: la verità è che fa buona informazione e quindi ha molti nemici“. Intanto i giornalisti rai aderenti al sindacato Usgrai si preparano a votare per sfiduciare il dg Mauro Masi.

    E’ raro vedere Federica Sciarelli nel ruolo di ‘pasionaria’ dell’informazione: tenace e implacabile quando si tratta di far luce sui casi che settimanalmente presenta in trasmissione – dalla scomparsa di un anziano alle rivelazioni sui casi Orlandi e Claps -, finora non aveva (almeno a nostra memoria) preso una posizione così netta a difesa della libertà d’informazione e, in particolare, in difesa di Michele Santoro, di cui in queste ore sta discutendo il CdA Rai su richiesta del dg Mauro Masi, deciso a chiederne la sospensione per l’anteprima che ha aperto la stagione 2010/11 di Annozero.

    La Sciarelli parte dalla pubblicazione del Cud 2010 di Santoro, decisa dallo stesso giornalista, per difenderlo dalle pretestuose accuse che ne minacciano la permanenza in palinsesto e per tornare sulla questione Trasparenza caldeggiata dal ministro Brunetta. “Quello della pubblicazione degli stipendi è un falso problema: lo si tira fuori solo per colpire alcune persone – dice la Sciarelli -. Bene ha fatto Santoro a pubblicare il Cud per sgombrare il campo da questo argomento pretestuoso. Parlano del suo stipendio perché non sanno come farlo fuori. Ma è un falso problema: la verità è che fa buona informazione e quindi ha molti nemici“.

    Non per questo la Sciarelli si dichiara contraria alla pubblicazione degli stipendi dei conduttori Rai sul web o nei titoli di coda delle trasmissioni Rai, anzi chiede che l’Operazione Trasparenza coinvolga davvero tutti i settori pubblici: “Per me non c’è alcun problema. Ma pubblicassero quelli di tutti, soprattutto e con grande evidenza quelli dei politici. E magari i compensi di coloro che non fanno nulla e prendono cifre da capogiro“. E il pensiero corre alle ultime accuse di compravendita di parlamentari, che fanno balenare contratti da migliaia di euro l’anno accordati per compensare mancare ricandidature al Parlamento.

    Intanto Michele Santoro attende il verdetto del CdA preparando la seconda puntata di Annozero , mentre ai cancelli della Rai si organizza un sit-in di protesta contro di lui da parte dei circoli Pdl, dai movimenti per l’Italia Lazio ed Europa sociale, riuntisi nel movimento Riva Destra: “Che mi aspetto? Un premio di produzione per i risultati auditel della scorsa settimana“, dice Michele Santoro a La Repubblica. E proprio il quotidiano del gruppo L’Espresso rivela che i giornalisti Usigrai sono pronti a sfiduciare Mauro Masi: tra circa 10 giorni, infatti, i giornalisti dei Tg e Gr votaranno la sfiducia al dg Rai, incapace, secondo l’Usigrai, di correggere la rotta del Tg1, i cui ascolti continuano a scendere (l’edizione delle 20.00 di lunedì 27 settembre è scesa al 23,85% di share, cinque punti in meno del settembre 2009 segnala il segretario Verna) e di cercare di recuperare il deficit smembrando l’azienda. Ad essere insoddisfatto sarebbe anche il premier: e questo potrebbe mettere davvero a rischio l’incarico del dg.