Sanremo 2017, polemica per i costi: Frankie Hi-Nrg invita a non boicottare il festival

Il rapper ha spiegato perché ha deciso di prendere le difese della rassegna

da , il

    Sanremo 2017, polemica per i costi: Frankie Hi-Nrg invita a non boicottare il festival

    Sanremo 2017: sull’ennesima polemica per i costi interviene anche Frankie Hi-Nrg. Il rapper invita a non boicottare il festival svelando una presa di posizione piuttosto forte tramite i social.

    Lo spunto per la discussione è arrivato dal messaggio di un utente dal nome rappresentativo, ‘Uno qualunque‘, che ha chiesto di fare girare un messaggio all’interno del quale ha chiesto a tutti i potenziali spettatori di spegnere la tv e non seguire il festival in tv, in segno di protesta per i compensi altissimi di ospiti e conduttori.

    La polemica per i costi di Sanremo 2017, arrivata puntuale come ogni anno, coinvolge anche Frankie Hi-Nrg, che in passato ha anche partecipato alla kermesse nella categoria Big (la sua ultima apparizione risale al 2014). Secondo l’utente che il rapper ha preso a esempio, i VIP ospiti e il conduttore Carlo Conti dovrebbero vergognarsi e i soldi investiti per l’evento dovrebbero invece andare alla povera gente delle zone terremotate.

    Frankie Hi Nrg difende Sanremo

    Frankie Hi-Nrg però, con un lungo intervento scritto, ha spiegato dettagliatamente come le due cose – un festival musicale e una catastrofe – non siano collegate e come, soprattutto, la rassegna porti lavoro a molte persone. Secondo l’artista – al secolo Francesco di Gesù – infatti, i soldi del canone e gli aiuti per i terremotati non sarebbero in alcun modo riconducibili ‘allo stesso portafoglio’, ed annullare l’evento sarebbe quindi dannoso.

    ‘Il Festival (amatelo, odiatelo, fate voi) è una macchina che porta lavoro a tante persone e che, nonostante tutto, fa girare un pezzetto dell’economia tanto in crisi, non solo nella bella città ligure che lo ospita’, ha scritto Frankie Hi-Nrg Mc.

    Per tutta risposta ha anche fornito il listino prezzi di Rai Pubblicità, specificando che l’intero compenso di Carlo Conti (il cui cachet sarà pari a 650.000 euro) si ripagherà con 5 spot da 10 secondi l’uno in onda tra le ore 23:00 e mezzanotte.

    Senza giri di parole Frankie Hi-Nrg si è riferito apertamente a coloro che fanno girare messaggi simili senza sapere di ciò di cui parlano. Tutto, secondo l’autore, sarebbe riconducibile ad un ‘imbuto‘ che ‘convoglia nello stesso flusso fatti di cronaca, antipatie personali, pregiudizi e vox populi’. Per questo motivo l’intervento finale recita: ‘Se proprio non potete fare a meno dell’imbuto, accomodatevici sopra. Grazie’.

    Chi sarà il prossimo a sentirsi chiamato in causa? A meno di due settimane dall’inizio ufficiale del festival, la polemica per i costi di Sanremo 2017 potrebbe avere molti altri capitoli.