Sanremo 2015, Carlo Conti in conferenza stampa: le dichiarazioni in diretta

Sanremo 2015, Carlo Conti in conferenza stampa: le dichiarazioni in diretta

Sanremo 2015, Carlo Conti in conferenza stampa: le dichiarazioni del conduttore in diretta streaming sul sito Festival della canzone italiana - 13 gennaio 2015

da in Carlo Conti, Festival di Sanremo 2015, Programmi TV, Rai, Rai 1, Sanremo Story, Web
Ultimo aggiornamento:

    Sanremo 2015, il conduttore Carlo Conti on line dalle 12.30 di oggi 13 gennaio per la conferenza stampa in diretta streaming da “Casinò Sanremo” immagini e dichiarazioni ufficiali del direttore artistico e del direttore di Rai 1 Giancarlo Leone. Oltre ogni indiscrezione, confermata o smentita, si fa il punto della situazione sulla sessantacinquesima edizione del Festival di Sanremo, la gara musicale in onda dal 10 al 14 febbraio al “Teatro Ariston”. Un solo mese al gran debutto di Carlo Conti da presentatore del Festival: cosa ha in mente e come si sta preparando…

    Sarà Rocio Munoz Morales ad affiancare Carlo Conti al Festival di Sanremo, insieme alle altre due vallette “ufficiali” le cantanti Arisa ed Emma Marrone. “E’ la prima volta che un conduttore Rai viene affiancato da due cantanti”, ricorda il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone. Sul fronte ospiti, invece, non ci saranno i tanto sperati Pink Floyd: “Il mio vinile non li ha convinti”, dice Conti, ma arriveranno certamente gli Imagine Dragons. Sul resto bocche cucite. I cantanti si esibiranno 10 nella prima serata, 10 nella seconda. La serata del giovedì sarà dedicata alle cover. Solo 16 arriveranno alla finalissima. L’eliminazione di quattro big il venerdì sera, insieme alla proclamazione del vincitore delle “nuove proposte”.

    Il meccanismo di voto varia ‘ad imbuto’ nel corso della gara. Nella puntata debutto a votare le prime dieci canzoni dei “big” in gara saranno i giornalisti al 50% e il televoto (+ app) per il restante 50%. A fine serata verrà mostrata un elenco non in ordine di classifica con i quattro a rischio eliminazione. La prima parte sarà dedicata alla sfida dei giovani: scontro diretto tra quattro, i due che vincono vanno alla fase successiva così da dichiarare i finalisti al giovedì sera e il vincitore delle “nuove proposte” al venerdì.

    Al giovedì sera, verrà inoltre premiata la canzone cover con i successi storici della musica italiana. Previsti a quanto pare, sin dai primi giorni, anche omaggi a Pino Daniele e Mango, ma anche Mia Martini e Franco Califano. Al venerdì sera, il tele-voto varia diviso al 30-30-40% tra giuria di esperti (in basso i nomi), giuria demoscopica (300 persone) e tele-voto (compreso voto con app). Il sabato sera si ri-azzera tutto utilizzando lo stesso meccanismo, fino ai tre nomi finalisti. La regia di Maurizio Pagnussat avrà 9 telecamere “fly” e non sarà invadente. La scenografia, mostrata nel modello 3D, ricalcherà gli spazi del passato. Infine, il Festival di Sanremo costerà ancora meno dello scorso anno, ma non è stata dichiarata la cifra del costo ufficiale. Parola di Giancarlo Leone.

    La conferenza stampa di Sanremo in diretta streaming

    Conferenza stampa Sanremo 2015

    12:30 – Giornalisti e foto-reporter in sala, s’intravede anche Leone. Sei schermi TV dietro al tavolo di discussione. Qualche minuto all’avvio. Presenti anche Emma ed Arisa (già) assediate dai fotografi prima ancora di iniziare. Richiamo all’ordine infatti, e si può cominciare: il saluto dal presidente del Casinò Sanremo (“Continuare con le fortune che ha sempre avuto”, il festival), il sindaco di Sanremo Bianchedi (“Sarei felice con un palco pieno di fiori”), e la parola va a Leone.

    12:40Giancarlo Leone: “Le novità: prima volta con conduttore della Rai affiancato da due importanti conduttrici che sono delle cantanti”. Emma e Arisa: “L’una ha vinto Sanremo nel 2012, l’altra l’anno scorso”. “L’altro elemento è che abbiamo 20 campioni in gara. Il motivo? Solo 16 raggiungeranno la finalissima per via dell’eliminazione”. Poi: “Rilanciare gli 8 cantanti, non in tarda notte, ma dal mercoledì in prima serata, in apertura del Festival”. Quattro sistemi di votazione durante il Festival.

    Carlo Conti

    12:50 – “La prima volta a Sanremo come inviato di una radio di Firenze”, dice Carlo Conti. “Sono proprio io il protagonista del Festival: mi riempie di gioia e di allegria”, e sulla gara, dice, “bella”, “abbiamo cercato di riportare al centro la musica coi fatti: 20 nomi, 20 canzoni belle, ognuna ha un suo perché. Nella scelta ho pensato che queste canzoni possano essere trasmesse in radio, essere di dominio pubblico, canticchiate”. “Il nostro slogan di quest’anno è ‘Tutti cantano Sanremo’”. Vediamo gli spot del Festival, sono tre: il primo con sottofondo Laura Pausini, il secondo in un supermercato con la canzone di Massimo Ranieri, il terzo in un museo.

    12:55 – “E’ giusto fare la gara”, dice il presentatore. Ecco il meccanismo: “Nella prima serata dieci canzoni con votazioni 50% giornalisti e 50% televoto e app”. Non potevano non creare l’app social per gli smartphone. “A fine puntata, senza dire posizione, vi farò vedere i 6 sopra la linea e i 4 che rischiano l’eliminazione”. “La seconda sera? Altre 10 canzoni, votazione sempre 50-50. Alla fine della puntata i 4 a rischio e i 6 sopra la linea. Inizieremo proprio con la sfida delle prime quattro nuove proposte. Uno sfida l’altro, uno sfida l’altro: i due che vincono alla fase successiva”. “La serata del giovedì l’abbiamo chiamata cover: sempre in testa la sfida a coppie di due, dopo la serata i finalisti delle nuove proposte, i campioni tutti e 20 si metteranno in gioco sempre in gara ma con un brano cover”, ci sarò un brano cover vincente, il cantante riceverà un fiore che si chiamerà proprio cover (o un garofano o una rosa).

    13:00 – “La serata del venerdì avrà l’anteprima con nuove proposte”. Il voto è affidato al 30% da “una giuria di esperti, 8 persone che nella loro vita hanno un contatto forte con la musica”. Il restante 30 e 40 affidato alla giuria demoscopica: “300 persone da casa, voteranno con un’app. Persone da oltre 16 anni in su 40″. Il televoto insieme alle altre modalità di voto porterà ai quattro eliminati della quarta serata e ai 16 della finalissima.

    Il sabato sera si azzera tutto e si riparte: 30 esperti, 30 demoscopica, 40 al televoto. Poi le tre canzoni in testa con riapertura finale del tele-voto.

    Arisa Carlo Conti Emma

    13:05 – Terza bellezza del Festival di Sanremo sarà Rocio Munoz Morales (incinta di Raoul Bova?). Arisa dissacrante: “Pensavo fosse quella con le tette grandi!”. “Quella bella”, chiosa Emma. Si passa ad Arisa: “Per me Sanremo è un appuntamento fisso, sono troppo affezionata”. “Carlo Conti? Molto altruista. Si è occupato in silenzio della cultura popolare italiana. Ha sempre mischiato il popolare ad un minimo di ricercatezza, fa crescere la gente che ci guarda. Assolve la sua responsabilità di comunicatore. Non ho mai fatto la valletta in vita mia, metterò dei grandi vestiti, tanto non deve cantare, non devo fare niente. Speriamo di non cadere sulle scale”.

    13:10Emma:”Non vedo l’ora di assolvere al ruolo di valletta nella maniera più graziosa e aggrazziata possibile”. Sanremo è “una grandissima macchina della musica”, anche se, dice, le sembra strano di essere qui. “Se cadessi dalle scale sarebbe un gran momento televisivo”, ammette. Poi sulla gara: “Mi auguro che la canzone faccia da padrona, alla fine qui si viene per cantare non per fare altro”. Detto da una cantante che fa altro…Vediamo la scenografia del Festival in versione computerizzata, realizzata da Riccardo Bocchino. “Un luogo molto caldo”, spiega invece il regista, attenuando divisione tra palco e pubblico.

    La scenografia ricostruita in 3d a Sanremo

    13:15 – Parla il regista Maurizio Pagnussat. Un pullmann-regia iperspecializzato con nove telecamere “fly” per immagini full hd. “Si muoveranno fasi fossero dei telespettatori per carpire quante più possibili emozioni al pubblico a casa. Una regia che racconti il Festival con garbo, con eleganza, senza mai essere invadente per creare stupore”, dice. Claudio Fasulo spiega che il DopoFestival andrà in onda sul web grazie allo streaming dalla “Sala Classica” del Casino, tutte le sere con commenti, intervisti, qualche esibizione unplugged.

    13:25 – “Tante trattative in corso, stiamo per chiudere qualche accordo”. “I Pink Floyd non li avremo, ma nella prima puntata avremo gli Imagine Dragons“, risponde Conti. Luca Dondoni chiede i nomi degli 8 esperti: “Claudio Cecchetto, Carlo Massarini (Mister Fantasy) Massimo Bernardini, Andrea Mirò, Camila Raznovich, Marino Bartoletti e due registi, Paolo Beldì e Giovanni Veronesi”.

    13:20 – Le domande dei giornalisti. Comincia Paolo Giordano, che chiede alle vallette Emma e Arisa circa il ri-sdoganamento della parola valletta. Mentre a Conti chiede degli ospiti, i Pink Floyd non ci saranno. “Preferisco fare la valletta per le cose fatte bene che la conduttrice che fa mille passi falsi”, replica Emma. Arisa: “Molto bello fare dei ruoli che non si fanno nella vita. Si mantiene adeguatezza che fa divertire”. Ci sarà omaggio a Mango e Pino Daniele, forse la prima sera e forse un ricordo-omaggio per tutti i protagonisti della musica: da Battisti a Califano, da Mia Martini a Reitano, annuncia Conti.

    13:30 – Ecco i titoli delle Cover della serata del giovedì:

    Giancarlo Leone

    Annalisa (Ti sento dei Mattia Bazar),
    Bianca Atzei (Ciao Amore ciao)
    Malika Ayane (Vivere di Vasco Rossi)
    Biggio e Mandelli (E la vita la vita con Cochi e renato)
    Alex Britti (Io mi fermo qui dei Dik dik)
    Chiara (Il volto della vita di Caterina Caselli)
    Dear Jack (Io che amo solo te)
    Di Michele-Coruzzi (Alghero di Giuni Russo)
    Lara Fabian (Almeno tu nell’Universo)
    Lorenzo Fragola (Una città per cantare di Ron)
    Irene Grandi (Se perdo te di Patty Pravo)
    Gianluca Grignani (Vedrai vedrai tenco con violini)
    Il Volo (brano di Edoardo De Crescenzo)
    Marco Masini (Sarà per te di Francesco Nuti)
    Moreno (Una carezza in un pugno)
    Nek (Se telfonando)
    Nesli (Mare mare di Luca Carboni)
    Raf (Rose Rosse)
    Anna Tatangelo (Dio come ti amo)
    Nina Zilli (Se bruciasse la città).

    13:35 – Arriva una domanda in sala: “Quanto costerà il Festival?”. “Non diamo la cifra ufficiale, costerà meno dell’anno scorso. Siamo ancora in fase di preventivo”. “Il Festival costerà certamente meno dell’anno scorso”, chiude Leone, direttore di Rai 1. Carlo Conti annuncia che sarà vestito da Salvatore Ferragamo, “orgoglioso” perché fiorentino. Gli autori di Sanremo sono Conti, Sabatini, Siano, Clericetti, Novaresi e Cassini. Leone, inoltre, annuncia che per novembre-dicembre prossimo si sta pensando ad un format forse in diretta da Sanremo per annunciare i nomi dei giovani. Il dibattito è concluso, prossima conferenza stampa il 9 febbraio alle 12.30. A presto!

    - I cantanti big a Sanremo
    - I cantanti giovani a Sanremo
    - Le vallette di Sanremo
    - Gli ospiti di Sanremo
    - Antonio Razzi a Sanremo?
    - Il regolamento del Festival
    - Al Bano e Romina verso Sanremo
    - Vittoria Schisano sogna Sanremo

    2057

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Carlo ContiFestival di Sanremo 2015Programmi TVRaiRai 1Sanremo StoryWeb
    Più letti