Sanremo 2013, terza serata: Mengoni in testa alla classifica provvisoria del Festival

Sanremo 2013: diretta live della terza serata

da , il

    Il Festival di Sanremo 2013 entra questa sera in vivo: come ha sottolineato anche Fabio Fazio in conferenza stampa durante le prime due serate si è scherzato. Il voto di questa sera sarà affidato solo al pubblico da casa e si deciderà la prima classifica provvisoria dei 14 Campioni. All’Ariston anche gli ultimi quattro giovani e il solito parterre di ospiti: la giovanissima Leonora Armellini al pianoforte, l’ex codino Roberto Baggio, Antony and the Johnson e la sua musica fantastica. Per Sanremo Story, Al Bano, ma senza Romina però! La serata inizia alle 20:30 e alla stessa ora, minuto più minuto meno, comincia la nostra diretta live della terza serata del Festival.

    00:19

    Manca pochissimo della classifica provvisoria dei primi 14 Campioni, la lettura avviene dall’ultimo al primo posto:

    • 14. Almamegretta – Mamma non lo sa
    • 13. Marta sui Tubi – Vorrei
    • 12. Malika Ayane – E se poi
    • 11. Simone Cristicchi – La prima volta che sono morto
    • 10. Max Gazzè – Sotto casa
    • 09. Daniele Silvestri – A bocca chiusa
    • 08. Elio e le Storie Tese – La canzone mononota
    • 07. Maria Nazionale – È colpa mia
    • 06. Simona Molinari e Peter Cincotti – La felicità
    • 05. Raphael Gualazzi – Sai (Ci basta un sogno)
    • 04. Chiara Galiazzo – Il futuro che sarà
    • 03. Annalisa Scarrone – Scintille
    • 02. Modà – Se si potesse non morire
    • 01. Marco Mengoni – L’essenziale

    Fischi durante tutta la prima metà della classifica, che lascia basiti anche noi. I due conduttori non si stancano di dire che tutto può ancora cambiare. Fazio dà l’appuntamento alla serata di domani, la quarta dedicata a Sanremo Story e alla proclamazione del vincitore fra i Giovani. Prima di lasciarci però, Luciana Littizzetto e Fabio Fazio rieseguono Vattene Amore. Buona notte a tutti a domani con il quarto live!

    00:11

    È la volta della proclamazione dei Giovani, vanno in finale Antonio Maggio e Ilaria Porceddu, delusione per la Gialappa’s che aveva lanciato il mito Nardicchioni. I quattro giovani in finale:

    • Renzo Rubino – Il postino (amami uomo)
    • Blastema – Dietro l’intima ragione
    • Antonio Maggio – Mi servirebbe sapere
    • Ilaria Porceddu – In equilibrio

    23:55

    Si torna all’Ariston dopo la lunga pausa, Luciana applaude il pubblico dell’Ariston. Per presentare Al Bano arriva a Sanremo 2013 Laura Chiatti. L’attrice vuole cantare un pezzo, ma, invece, presenta il mito Al Bano che canta – in barba a Romina Power – Nostalgia canaglia. Dopo intona E va e l’ugola di Cellino San Marco scalda il pubblico dell’Ariston. Tripudio: tutto il teatro è in piedi. Fazio crede che voglia fare stage diving, invece, si mette a fare flessioni. Luciana gli dice: ‘Tu fai un do qua e metti incinta una a Cuneo‘. Al Bano sbava per Laura Chiatti, colpo di scena a vincere fra le 14 canzoni presentate ha vinto Felicità e il primo piano sulla fan di Al Bano che ha indovinato la canzone è una delle cose più belle di questo Festival. Ecco quello che temevamo: Romina viene sostituita da Laura Chiatti! Dopo Laura, brava, arrivano Luciana Littizzetto e Fabio Fazio e più che il Festival sembra un villaggio vacanze! Fiori, premi e ricchi cotillon ma per noi c’è la pubblicità.

    23:43

    Ultimo cantante dei Giovani è Ilaria Porceddu con un orrendo vestito: la cantante esegue In equilibrio. La cantante ha eseguito parte del testo del sardo, ci saranno polemiche? Stop al televoto, dopo lo spot scopriremo chi accede alla finale dei quattro giovani, ma prima di tutto c’è: Al Bano!

    23:33

    Antonio Maggio è il secondo a esibirsi e canta Mi servirebbe sapere. Maggio assomiglia un po’ a Sacha Baron Cohen e anche lui è vestito in amaranto. Luciana sottolinea che se dovesse vincere diventa Primo Maggio. Fabio Fazio chiede a Luciana di raccontare la sua vita, ma stanno sistemando il palco. È la volta di Paolo Simoni, il terzo cantante che esegue con il suo piano rosso Le parole. Paolo Simoni lascia il piano rosso e sullo sgabello si siede il direttore d’orchestra che lancia i fogli. Luciana lo intima di raccoglierli se no devono inventarsi delle minchiate.

    23:28

    Leonora presenta il primo giovane Andrea Nardinocchi che interpreta Storia impossibile, dirige Andrea Mirò, cantante e compagna di Enrico Ruggeri: il festival si fa tutto in famiglia. Nardinocchi viene preso di mira dalla Gialappa’s Band che oggi ha iniziato a commentare il Festival per una nota radio italiana. Fabio Fazio e Luciana Littizzetto hanno qualche problema: non vedono da lontano e non riescono a leggere i titoli.

    23:19

    Si è conclusa la gara dei Campioni ed è la volta dei Giovani per introdurre la categoria dei baby cantanti, ok mica tanto, arriva la pianista Leonora Armellini. La padovana è qui al posto di Daniel Barenboim. Pelle d’oca al Festival per quest’esecuzione di Chopin e la giovane Leonora viene intervistata da Luciana Littizzetto e Fabio Fazio. Leonora si è emozionata e Luciana lo è anche perché dopo aver preso il diploma al conservatorio in pianoforte: ‘Ho capito che dovevo dire minchiate‘. Luciana sfila e Fabio Fazio ripete il regolamento… ma i due non ne possono più, ma una voce registrata? LIBERATELI! I due fanno terminare il regolamento al pubblico e Fazio fra il serio e il faceto dice a tutti che sono dei pazzi perché fanno il coro per il sito!

    23:06

    Dopo il break, torniamo all’Ariston, è la volta degli Almamegretta, il gruppo partenopeo esegue Mamma non lo sa. Luciana Littizzetto vuole presentare gli ultimi cantanti, ma, invece, è la volta di salutare Rai 1. La presentatrice radio commette una gaffe ricordando la partita dell’Inter che potrebbe aver fatto perdere un po’ di ascolti al Festival di Sanremo 2013, e al ‘vi seguiamo sempre‘ Luciana ha scherzato: ‘Siete pronti per la neuro‘. È la volta dell’ultimo cantante a esibirsi Raphael Gualazzi con un brano scritto e arrangiato da lui: Sai ci basta un sogno ed è tornato il direttore d’orchestra con la camicia fucsia. Dio ci liberi!

    22:55

    Dodicesimo cantante Daniele Silvestri, tripudio del pubblico prima che il cantautore romano esegue A bocca chiusa. Fabio Fazio, posseduto da Bruno Vespa, legge il regolamento del televoto e ricorda che a fine serata c’è la classifica provvisoria. Pubblicità.

    22:47

    Luciana ci svela che i suoi vestiti sono opera di giovani stilisti. Ironia su Fabio Fazio e la sua poca dimistichezza con le “mani”, secondo la Litti: ‘Se si rompe il boiler, è il boiler che ripara te‘ Ma è una tattica perché il palco non è pronto per i Modà, gli undicesimi a esibirsi questa sera. I Modà eseguono la loro Se si potesse non morire. L’idea del romanticismo di Luciana Littizzetto per Fabio Fazio è un po’ deludente, ma risponde al suo stile.

    22:36

    Dopo il break, giusto il tempo di andare a rifarsi il trucco, Fabio Fazio è felicissimo di presentare sul palco Antony and the Johnson, un critico ha detto che in quella sua voce c’è tutta la bellezza del mondo. Il cantante anglo-americano esegue dal vivo accompagnato dall’orchestra You Are My Sister: pelle d’oca all’Ariston. Questa canzone dedicata alla sorella di Antony: ‘Ci sono stati momenti in cui quando ero piccolo ero triste e me la prendevo con la mia sorellina. Crescendo ho capito che lei era l’unico cuore pulsante della famiglia. Allora le ho dedicato questa canzone. In tutto il mondo le donne vengono sottomesse dalle istituzioni, dai uomini. Stiamo arrivando al termine della storia dell’uomo [...] nella mia musica cerco la speranza per me e il resto del mondo. Secondo me le donne tengono la chiave in mano per la sopravvivenza della nostra specie, è il tempo per le donne di sollevare i figli e i loro compagni di questa responsabilità preistorica. [...] Nel mio sogno l’uomo tornerà una nuova umiltà e farà un passo indietro, le donne, invece faranno un passo in avanti‘. Dopo il suo monologo, Antony (and the Johnsons) lascia il palco in fretta e in furia e per noi c’è la clip, SEMPRE LA STESSA, su Sanremo!

    22:26

    L’ottavo cantante è Simone Cristicchi che esegue La prima volta che sono morto e Luciana continua a essere attratta dai capelli del cantautore romano. Ululati? Ululati dal pubblico? Fabio Fazio si coccola il direttore alla fotografia, la scenografa e il regista. E tra poco la voce unica di Antony and the Johnson.

    22:17

    Torna Annalisa Scarrone e la sua Scintille, questa volta indossa un vestito romantico facilmente riconducibile a una nota marca italiana. Dirige Zanotti che indossa un’altra giacca rubata da un arazzo del ’700. Il look di ieri dell’ex amica di Maria De Filippi era stato criticato, cosa ne penserà l’Accademia del Galateo di questo abito rosa? Arriva Maria Nazionale che canterà la sua canzone È colpa mia e Luciana Littizzetto le fa un complimento per le gatte grasse, ossia le tette. Beppe Vesicchio è visibilmente spaventato.

    22:09

    Spazio al settimo cantante: Max Gazzè senza frac, Luciana e Max si confrontano le unghie. Il cantautore romano esegue Sotto casa. Luciana e Fabio ripetono i codici per favorire il televoto a casa: il regolamento i due presentatori lo odiano, i due interpretano i titoli delle canzoni per insultarsi e La Littizzetto non legge il sito dove si trova il regolamento ‘perché si è rotta le palle’.

    21:50

    Arriva Roberto Baggio, il primo ospite della serata. Si legge Giovanni Raboni e la sua Ode a Baggio. Tripudio dell’Ariston per l’ex Codino che si commuove. Baggio ha qualche problema con la sedia girevole e ci ricorda un po’ Lady Violet nella prima stagione di Downton Abbey. Roberto, che non torna nel nostro Paese da tanti anni, è visibilmente emozionato. Dopo i mille premi, il Pallone d’Oro e il Peace Summit Award, un premio assegnato all’ex fantasista dalla stessa commissione che dà il Nobel per la Pace. Baggio è ambasciatore della Fao da molti anni, il calciatore parla del Laos, visitato nel corso della sua missione. Si parla anche di Aung San Suu Kyi e Roberto Baggio legge una commuovente lettera che ha scritto ai giovani.

    21:40

    Si riprende con la gara, i Marta sui Tubi sono i quinti a scendere sul palco. Il gruppo siciliano canta Vorrei e la domanda che nessuno ha mai posto: perché vi chiamate Marta sui Tubi? Arriva la sesta cantante è Chiara Galiazzo, la vincitrice di X Factor canterà Il futuro che sarà. Luciana Littizzetto la manda via perché è troppo alta.

    21:26

    Luciana Littizzetto e Fabio Fazio parlano di cuore e amore. Luciana con le scarpe rosse fa una dichiarazione d’amore – monologo dedicata agli uomini: ‘Vi amiamo, amiamo i vostri piedi anche se sono armi di distruzioni di massa. Vi amiamo quando russate perché dormire accanto a voi sembra di stare accanto allo Stromboli. Quando fate il caffè lasciate mezzo caffè sul pavimento e sulla cucina. L’amore è un apostrofo nella frase: è irrecuperabile, ma quasi quasi me lo tengo‘. Luciana torna sulle coppie di fatto e dice che ‘non vogliamo le palle, abbiamo le tette sono sferiche e ci piacciono uguale‘. Si prepara il numero contro la violenza sulle donne e il femminicidio: ‘un uomo che mi mena non ci ama‘. Questa Luciana seria ci piace, quasi più di quella che ci fa ridere. L’uomo che picchia le donna ci ama male, è uno str****’. Ed ecco che Luciana e le ballerine eseguono il flash mob di One Billion Standing. Luciana balla male, ma la giustifichiamo è per una giustissima causa. Applausi dall’Ariston. ‘Dall’inizio dell’anno a oggi sono state uccise 127 donne, è una vergogna’, Fabio Fazio ha ragione e loda la sua Lucianina, lei applaude le sue donne.

    21:15

    Malika Ayane indossa un altro splendido vestito nero che piace anche a Luciana Littizzetto, meno bella la camicia fucsia del direttore d’orchestra. Questa volta il cognome l’hanno detto bene, salvo che Lucianina alla fine ha sbagliato! La cantante esegue E se poi e Fazio, prima di mandare pubblicità, anticipa il numero di Luciana dedicato a One Billion Standing.

    21:08

    Elio e le Storie Tese arrivano all’Ariston vestiti a metà strada fra gli scugnizzi di Don Vito Corleone e alieni e a quanto pare Elio ha allargato le sue spalle ispirandosi a Giacobbo. Il gruppo esegue La canzone mononota. Ve lo diciamo, la nota è il Do. Luciana si avvicina al mito Beppe Vesicchio, visibilmente spaventato. Luciana le taglia un pezzo di barba: feticista!

    21:01

    Il secondo a esibirsi in gara è Marco Mengoni con un poco essenziale completo amaranto, l’ex vincitore di X Factor canta L’essenziale. Luciana saluta le sue amiche e Fabio la fondazione Bongiorno.

    20:57

    I primi cantanti a prendere via alla gara sono Simona Molinari e Peter Cincotti con La felicità. Vestito orrendo per la cantante, mentre Cincotti è sempre bellissimo, e visto che è San Valentino i due potrebbero anche baciarsi!! Luciana Littizzetto cita in continuazione Pippo Baudo.

    20:45

    Si apre con uno spezzone di un film con Nino Manfredi e sul palco entrano insieme Luciana Littizzetto e Fabio Fazio che cantano in onore della festa degli innamorati, cantano un classico della tradizione sanremese: Vattene amore. Luciana, però, questo vestito non ci piace! Un mazzo di fiori di Sanremo che le copre il volto e il pubblico reclama il più classico BACIO! Questa sera sentiremo tutte le 14 canzoni che hanno passato il turno abbinate con i rispettivi codici. L’ordine sarà poi ribaltato la serata del venerdì. Per il voto questa sera è diviso fra pubblico e stampa.

    • 01. Molinari e Cincotti
    • 02. Marco Mengoni
    • 03. Elio e le Storie Tese
    • 04. Malika Ayane
    • 05. Marta Sui Tubi
    • 06. Chiara Galiazzo
    • 07. Max Gazzè
    • 08. Annalisa Scarrone
    • 09. Maria Nazionale
    • 10. Simone Cristicchi
    • 11. Modà
    • 12. Daniele Silvestri
    • 13. Almamegretta
    • 14. Raphael Gualazzi

    20:37

    Inizia l’anteprima della terza serata del Festival di Sanremo 2013, a causa dell’assenza di Bar Rafaeli e di Barenboim il bar del teatro è chiuso. Roberto Baggio questa sera segnerà il rigore che sbagliò nel 1994. Senza dimenticare, che ‘basta fissare Al Bano per cinque minuti per restare incinta‘.