Sanremo 2013: Stefano Bollani improvvisa un medley di brani storici al pianoforte

Sanremo 2013: Stefano Bollani improvvisa un medley di brani storici al pianoforte

La quarta serata del Festival di Sanremo 2013 ha avuto come ospite Stefano Bollani

da in Festival di Sanremo 2013
Ultimo aggiornamento:

    Dopo la giovane pianista Leonora Armellini, la quarta serata del Festival di Sanremo 2013 ci ha offerto anche una straordinaria performance di Stefano Bollani. Il compositore e pianista jazz è uno dei più eclettici e apprezzati esponenti del nostro panorama musicale. Un’altra magnifica personalità sul palco dell’Ariston.

    Diplomato al conservatorio di Firenze, Bollani ha all’attivo trenta opere pubblicate e svariate collaborazioni con nomi sia italiani che internazionali. Tra queste rientrano ad esempio quelle con Irene Grandi e il trombettista Enrico Rava, suo mentore.

    Una delle sue caratteristiche principali è quella di interagire molto col pubblico presente ai suoi concerti e anche a Sanremo ha voluto mantenere la tradizione. Bollani si è offerto di eseguire canzoni a richiesta, dietro suggerimento degli spettatori in sala. Luciana Littizzetto ha quindi attraversato la platea per raccogliere spunti. Con qualche fatica si è riusciti a mettere insieme una manciata di canzoni, non necessariamente di Sanremo, anche se la serata storica presupponeva un necessario omaggio. Ad ogni modo, il pianista ha soddisfatto i desideri del pubblico e si è lanciato in un originalissimo medley di cinque canzoni agli antipodi l’una dall’altra: ‘Imagine’, ‘Volare’, ‘Papaveri e Papere’, ‘Una terra promessa’ e ‘Non mi dire’.

    Inutile dire che la performance ha messo in luce lo stratosferico talento di questo musicista, in grado di improvvisare dal nulla un mix di pezzi completamente diversi. Non che sia esattamente il primo venuto, ma vedere all’opera un tale genio fa comunque effetto.

    La platea è rimasta stregata dalla grandiosa esibizione, regalando all’ospite una meritatissima standing ovation.

    Fabio Fazio si è davvero impegnato per dare vita a un festival realmente incentrato sull’arte musicale. Non solo per quanto riguarda i concorrenti in gara, con la proposta della doppia canzone, ma anche e soprattutto per quanto concerne gli ospiti. Le passate edizioni sono andate avanti a forza di idoli dei teenager e affini, che magari cantavano in playback e portavano a casa fior di compensi. Stavolta la musica è stata davvero diversa, con nomi senz’altro meno altisonanti ma ben più consistenti dal punto di vista della sostanza e dello spettacolo messo in scena.

    Il pianista è poi tornato in scena per un accompagnamento musicale d’eccezione. Sfruttando l’ospitata del cantautore e chitarrista brasiliano Caetano Veloso, Fazio ha unito i due talenti in un numero unico: in ‘Come prima’, Veloso alla voce e Bollani al pianoforte. Magia pura.

    474

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2013