Sanremo 2013, Roberto Baggio e la lettera ai giovani: ‘Inseguite i vostri sogni’

Ospite della terza serata del Festival di Sanremo 2013, Roberto Baggio ha ripercorso la sua carriera e rivolto una lettera ai giovani, invitandoli a seguire i propri sogni

da , il

    Sanremo 2013, Roberto Baggio e il messaggio ai giovani: 'Seguite i vostri sogni'

    Tra gli ospiti del Festival di Sanremo 2013, Roberto Baggio è stato indubbiamente uno dei più apprezzati. Non capita spesso di vedere il grande campione in televisione, ma Fabio Fazio è riuscito a chiamarlo alla sua corte. Calciatore straordinario, ma soprattutto uomo dalla grande nobiltà d’animo, Baggio ha approfittato dell’occasione per lanciare un messaggio ai giovani di oggi.

    Fazio e Baggio hanno ripercorso insieme i grandi trascorsi dell’attaccante, parlando della sua carriera e di quella che per lui è sempre stata solo ed esclusivamente un’enorme passione: il calcio. Gli infortuni l’hanno costretto ad allontanarsi per molto tempo da quello che tanto amava fare, ma lui non si è arreso. Tenacia, sacrificio ed entusiasmo l’hanno portato avanti, facendolo rialzare dopo le cadute.

    E’ con questo spirito che l’ex calciatore, famoso anche per aver abbracciato in toto la fede buddista, si è rivolto ai giovani all’ascolto. La parte più intensa dell’ospitata è infatti giunta quando Baggio ha letto ad alta voce una lettera indirizzata alle nuove generazioni. Non si ritiene un maestro di vita, ma è suo desiderio occuparsi della popolazione più inesperta, che tuttavia crede già di sapere tutto.

    ‘A tutti i giovani, e tra questi ci sono anche i miei tre figli. So che non amano i consigli, anche io ero così, però stasera vorrei invitarli a riflettere su alcune parole, senza arroganza.’

    Baggio ha elencato quelli che per lui sono i punti cardine dell’esistenza umana, attorno ai quali costruire il proprio futuro: passione, gioia, coraggio, successo e sacrificio.

    ‘La passione potete trovarla solo dentro di voi, non lasciatevi influenzare dall’esterno.’

    Nella vita ci vuole gioia, la capacità di apprezzare ed essere felici di ciò che si ha, per quanto poco sia. E ci vuole coraggio, fiducia in se stessi, per andare avanti senza paura di sbagliare. Cadere è normale, basta non lasciarsi sconfiggere, perché l’importante è sapere di aver fatto del proprio meglio.

    Il successo, che oggi sembra essere rimasto l’unico valore che domina la nostra società, è per l’ex bomber nient’altro che la realizzazione di se stessi, di ciò che si è, a prescindere da quel che si fa e da quanto si guadagna. Ma per giungere al successo bisogna anche sacrificarsi, senza pensare che sia una brutta cosa:

    ‘Il sacrifico è l’essenza della vita, la porta per capirne pienamente il significato.’

    ‘La giovinezza è il tempo della costruzione, per questo dovete allenarvi adesso, da ciò dipenderà il vostro futuro. Non fidatevi di ciò che arriva senza sforzi e sacrifici, è un’illusione.’

    Baggio si vede ancora come il ragazzo che sognava i campi di calcio e si addormentava abbracciato a un pallone. Ed è esattamente questo ciò che raccomanda alla sempre più sbandata gioventù d’oggi:

    ‘Abbracciate i vostri sogni e seguiteli. I veri eroi quotidiani sono quelli che danno sempre il massimo nella vita.’

    Un vero campione, in tutti i campi.