Sanremo 2013: il vincitore del Festival è Marco Mengoni

Sanremo 2013: il vincitore del Festival è Marco Mengoni

Sanremo 2013, la finale di sabato 16 febbraio ha incoronato come 63esimo vincitore Marco Mengoni

    Tutto pronto per la finale di Sanremo 2013. Chi succederà a Emma Marrone, vincitrice nel 2012? Lo scopriremo questa sera con l’atto finale della kermesse canora che assegnerà il premio alla canzone italiana più bella per la 63esima volta. Si chiude il Festival di Fazio e Luciana Littizzetto con ospiti del calibro di Bianca Balti, Daniel Harding, Claudio Bisio e Martin Castrogiovanni. Emozioni per il ritorno di Andrea Bocelli. Questo e altro nella nostra diretta. A partire dalle 20:30 su Rai 1 e sul nostro blog per la diretta live della finale del 16 febbraio!

    00:55

    Fabio Fazio lascia l’onore a Luciana Littizzetto di dire il nome del vincitore: un signore. Lei cambia idea ed è lui a proclamare il nome del successore di Emma Marrone. Nel frattempo arrivano i più classici fiori per Bianca Balti. Ma non c’è tempo per i convenevoli: il vincitore del 63esimo Festival di Sanremo è MARCO MENGONI. Marco parla: ‘È stato un grande onore partecipare a questo Festival‘, una delle frasi dette da Saturnino alla Gialappa’s Band come leit-motiv di Sanremo. Sul palco il sindaco Zoccato consegna il Leone a Marco Mengoni. Zoccato vuole sottolineare che i fiori c’erano e parla dei ranuncoli sul tetto dell’Ariston, a cinque giorni ancora la polemica sui fiori, e su sindaco! Marco Mengoni apre e chiude questo 63esimo Festival di Sanremo. Gli ultimi ringraziamenti, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto dicono in coro: ‘È stato bellissimo. Domani tutto torna alla normalità‘ e li rivedremo su Rai 3 a Che tempo che Fa. Confermata la classifica di giovedì, complimenti a Marco Mengoni la sua era una delle canzoni più belle di quest’edizione. Secondi classificati gli Elio e le Storie Tese e terzi i Modà. Noi vi salutiamo appuntamento al prossimo Festival!


    00:51
    Luciana dà lo Stop al Televoto. Fabio ringrazia la Giuria della qualità. Fabio Fazio dà il nome del partecipante italiano di Eurovision 2013: è confermato che sarà Marco Mengoni a cantare per il nostro Paese in Svezia. Bianca Balti è tornata sul palco, vestita di rosso fa la sua bella figura: si è divertita, è inciampata, ma come dice lei ‘sono le cose che restano’. Luciana li lascia soli: ‘Vediamo cosa sei capace di fare‘. Fabio Fazio prende il microfono e a furor di popolo imita Bruno Vespa. Luciana, felice come non mai, ha la busta del vincitore.

    00:45
    Tripudio per Marco Mengoni, primo a esibirsi martedì. Si vocifera che Marco Mengoni sarebbe stato selezionato per partecipare a Eurovision 2013. Per l’ex vincitore di X Factor è il codice 03. Luciana vuole ringraziare Emiliano Restuccia, Laura Cuppini e tutte le sarte. Anche Fabio ringrazia l’uomo che l’ha reso ‘visibile‘.

    00:35
    I secondi a esibirsi sono i Modà e la loro Se si potesse non morire, codice 02. Fabio Fazio e Luciana Littizzetto ringraziano tutta l’équipe dietro il Festival di Sanremo 2013. La telecamera inquadra Leone. Sul palco arriva il terzo cantante a esibirsi: Marco Mengoni e la sua L’essenziale.

    00:28
    Si esibiscono di nuovo gli Elio e le Storie Tese con la loro Canzone Mononota, il loro numero è lo 01, delusione per il gruppo sperava di arrivare quarto. Elio è disperato: ‘Ha sbagliato l’ultima nota‘. Rocco Tanica tenta di salvare Elio dalla vergogna. Fazio li manda via, sembra che l’odio fra gli Elii e il conduttore sia reciproco. Per il gruppo di Milano anche un terzo premio quello della stampa. Torna Martin Castrogiovanni vestito con il suo completo, Luciana Littizzetto si battezza Fiona e lui dice Shrek e lui dice: ‘Pensavo che Luciana fosse molto più leggera‘.

    00:17
    Si torna dopo il tg, vengono richiamati sul palco i primi tre classificati e adesso riascolteremo le canzoni e si riparte da zero. Solita clippina di Sanremo. Arriva la busta con i tre finalisti (l’ordine è derivato dal sorteggio dato da un notaio):

    • Elio e le Storie Tese – La Canzone Mononota
    • Modà – Se si potesse non morire
    • Marco Mengoni – L’insuperabile

    00:07

    Sanremo 2013, doppia vittoria di Elio e le Storie Tese

    Arriva il Maestro Pagani e viene assegnato il premio della Critica Mia Martini, Mia Martini, Elio e le Storie Tese. Elio dice: ‘Questo premio non compromette il quarto posto?‘. Elio presenta i membri della band: Rocco Tanica, Cesareo, Christian Meyer, Jattoman e Faso. Elio dedica il premio a Feyez, brividi per tutti i fan. Bianca Balti dà il premio del miglior arrangiamento, le impongono la calma. Il premio del miglior arrangiamento è stato vinto dagli Elio e le Storie Tese, arriva sul palco il maestro Beppe Vesicchio. Doppia vittoria per il gruppo che sia un contentino per la mancata vittoria finale? Loro volevano arrivare quarti, indi…

    00:02
    Torna Bianca Balti e riprova il nude-look bocciato su Bar Rafaeli, il suo vestito sembra quello indossato da Laetitia Casta all’ultimo Festival di Venezia. Anche questa volta indossa degli orecchini enormi! Luciana le chiede di sfilare, vuole imparare a sfilare. Bianca Balti sfila sulle note di Relax di Frankie Goes To Hollywood e signori e signore QUASI CADE, Luciana butta la cartelletta e urla: ‘E vai!!!‘. Sfila lei ed è una meraviglia.

    23:52
    Da un ospite a un altro il salto è breve. Dopo Andrea Bocelli è la volta di Birdy e la sua Skinny Love. Pseudonimo di Jasmine van den Bogaerde e ha venduto milioni di copie. Birdy deve sbrigarsi, fra un po’ è mezzanotte e deve andare a casa. Birdy ha vinto Open Mic Uk a soli 12 anni, oggi ne ha 17 anni. Bellissimo vestito per Luciana Littizzetto. Un duo-logo, un monologo a due voci dedicato alle cose più strane viste: ‘Ho visto Fabio sveglio dopo le 21:30, ho visto Luciana vestita da donna, ho visto la première dame esibirsi con la première nane, ho visto Rocco Siffredi vestito (lo dice Luciana), ho visto Sandro Giacobbo dire che non c’era da preoccuparsi per i meteoriti, ho visto il coro dell’Arena di Verona eseguire Va pensiero e ho capito che non fa così schifo essere italiano, ho visto qui Fabio chiedere la barba al bar, ho visto Bollani eseguire Papaveri e papere come la Quinta di Beethoven, ho visto la quinta di Maria Nazionale, ho visto Al Bano fare le flessioni, ho visto la farfalla più grande del mondo‘. E cantano La coppia più bella del mondo.

    23:36
    Andrea Bocelli canta sul palco La voce del silenzio, lo accompagna sul palco Amos, il figlio nato 18 anni fa quando il cantante era impegnato a Sanremo a eseguire Con te partirò. Andrea e Amos Bocelli cantano Love me tender, la splendida canzone di Elvis Presley. Dopo canta la bellissima Quizás, Quizás, Quizás del cantautore cubano Osvaldo Farrés. Un paio di gaffes di Fabio Fazio, prima il microfono troppo basso e al termine della sua esibizione dice al cantautore: ‘Ci vediamo‘.

    23:14
    Siamo in onda di nuovo: complimenti della Littizzetto a Bisio. Sul palco palco i grassi Elio e le Storie Tese, capolavoro del gruppo milanese, i nostri cantono: La canzone mononota. Tripudio dell’Ariston: orchestra, vip e pubblico sono tutti ad applaudirli. Momento meraviglioso! Dopo gli Elii è il turno di Marco Mengoni, il primo della classifica provvisoria, e canta L’incantevole. Martin Castrogiovanni porta Luciana Littizzetto sul palco dell’Ariston, così presenta Simona Molinari con Peter Cincotti La felicità. E Cincotti la bacia sul collo, la felicità! È terminato l’ascolto delle 14 canzoni dei Big, ed è la volta di Andrea Bocelli. Tutto ciò mentre la giuria di qualità vota.

    22:49

    Sanremo 2013, Claudio Bisio durante la finale

    Arriva sul palco Claudio Bisio, sul palco porta una bottiglietta d’acqua su consiglio di Maurizio Crozza: ‘Il presentatore saluta il corno francese dell’orchestra che soffre di vertigini, in una settimana non ha fatto niente, ma Harding gli ha fatto un mazzo così‘. Bisio chiede di applaudire: ‘Applaudite, donne! Applaudite uomini! Tutti gli altri’ silenzio e dice ‘ottimo modo per fare outing‘ e qualcuno applaude ‘vi siete applauditi da solo’. Anche Bisio scherza sulla farfallina: ‘Vi mostro il biscione… dopo tutti quegli anni a Mediaset, ho fatto un tatuaggio ce l’ha anche Lorella Cuccarini‘. Dopo un po’, Claudio Bisio si butta sulla politica e parla di alcune ipocrisie: ‘Non puoi essere cattolico a modo tuo, se sei cattolico non divorzi, altrimenti sono Casini. Vai al family day e ci vai con le tue due famiglie‘. Di alcuni luoghi comuni: ‘Sei comunista? Mangi i bambini e devi andare a Berlino e tirare su tutto il muro. Non puoi mica andare in giro con la felpa Abercrombie‘. Alla fine, Bisio se la prende con gli elettori impresentabili. Il monologo riprende il monologo di Blade Runner: ‘Ho visto cose che voi umani. Vendere il voto per 50 euro è vendere l’anima. L’anima si vende per molto più, Faust ha venduto l’anima per immortalità mica per l’euro, cos’è poi l’euro.

    [...] Io offro un milione di spritz, abolisco l’Ici, l’Iva. Finché ci sono loro in questo paese non cambierà mai, dicono una cosa e ne fanno un’altra, non mantengono le promesse, sono incompetenti, bugiardi, inaffidabili, mandiamoli tutti a casa. Non parlavo degli eletti, ma degli elettori, stavo parlando di noi, degli italiani, perché siamo noi i mandanti, noi che li abbiamo votati. Se li guardate bene è impressionante come ci assomigliano, sono come noi italiani, precisi sputati‘. In conclusione, Claudio Bisio si auspica che alle urne ci vada qualche scandinavo e lo fa reinterpretando L’Italiano, senza Armata rossa: ‘E conclude ricantando l’italiano: ‘Lasciatemi votare come un norvegese’.

    22:37
    È il turno dei Marta sui Tubi, il gruppo siciliano canta Vorrei, i siciliani urlano ZET per i Gialappi, meravigliosi. Torna Bianca Balti di nero vestita e si toglie i tacchi: la topmodel e la siciliana chiamano l’uomo del Festival di Sanremo. Sulle note di È l’uomo per me Fabio Fazio scende le scale. Dopo un siparietto assurdo, Malika Ayane arriva sul palco e canta E se poi.

    22:21

    Sanremo 2013, Martin Castrogiovanni al Festival

    Martin Castrogiovanni: 190 cm per quasi 120 chili. Luciana: ‘Lui un pilone, tu un pirlone. Finalmente diamo un grande peso al programma‘. Martin, secondo la Litti ‘parla e hai i capelli come Belen‘ e puntualizza: ‘Non ho la farfallina‘. Luciana è scatenata: ‘Centoventi chili di polpa‘, invidia la fidanzata (in platea) perché ‘è capace di prendere l’acqua con un mignolo‘ e ‘peso come la sua appendicite‘. Lui dà la maglia a Fazio e in cambio si prende Luciana, la Litti la prende e sembra dire: ‘Non è per te finocchio‘. La Littizzetto chiarisce la differenza fra rugbisti e calciatori: ‘Voi preferite le mischie, i calciatori le orge‘. Lui risponde: ‘Noi preferiamo le birra e il panino alle ostriche‘ e ‘La palla è ovale perché vi siete seduti sopra. Sei 120 chli di carne senza grasso‘. Martin presenta Chiara Galiazzo che canta Il futuro che sarà.

    22:10
    Arriva sul palco Lutz Forster, il ballerino che meglio ha capito l’insegnamento di Pina Baush e balla Lindocihno. Lux Forster balla e lascia il palco. È la volta del prossimo cantante: Max Gazzè, vestito Etro, torna sul palco, e ha la lente colorata ‘sguardo imperioso‘ per altri un omaggio a David Bowie, canterà Sotto casa. Max ha un look strano, si mette a giocare con l’orchestra, lascia il palcoscenico, fa alzare Frizzi e si mette a dirigere il pubblico. Arriva la Littizzetto, un nuovo abito per la piemontese e sta arrivando un ospite grande: Martin Castrogiovanni?

    22:03
    Luciana e Fazio si prendono un momento di pausa, la torinese è preoccupata per il ritorno sul palco di Bianca: ‘Col cavolo che non conta niente. Se Ruby fosse stata la nipote di zio Fester nessuno se la filava. Vorrei il culo di Penelope Cruz, le tette di Maria Grazia Cucinotta e il corpo di Cameon Diaz. Io, invece, ho il culo di Tom Cruise e le tette di Roberto Giacobbo‘. Parte il suo monologo sulla bellezza: ‘Se cadi per strada e sei bella, ti raccolgono, se sei brutta finisci su YouTube‘. Luciana dice una lista di persone brutte, ma meravigliose: Ennio Flaiano, Rita Levi Montalcini, Sandro Pertini, Noè che ha salvato il mondo. Pubblicità, anche se sul palco si dice Sanremo continua.

    21:54
    Arriva Maria Nazionale, la cantante napoletana amata dai Gialappi, canta È colpa mia. La camminata alla Baudo della Littizzetto introduce Annalisa Scarrone con un vestitino che fa molto ballo della scuola: l’amica di Maria canta Scintille.

    21:45

    Arriva la bellissima Bianca Balti, superata in beltà solo da Luciana Littizzetto. Bianca stava per piangere prima, ‘adesso lo farai’ dice Luciana Littizzetto. La Littizzetto tiene la coda del vestito e racconta il comune dramma: ‘All’uomo non importa come siamo fatte dentro, ma lo stesso ingresso‘. Fazio arrossisce. La Litti le fa la domanda che tutto il mondo si chiede: ‘Hai la cervicale o sono gli orecchini?‘. Lei guarda Fazio e si ispira: ‘Hai la faccia di una che si è fatta una purga‘. Bianca presenta Simone Cristicchi, anche lui milanista, esegue La prima volta che sono morto.

    21:38
    I Modà sono i quarti a esibirsi, ritorna Kekko (senza Emma) e canta Se si potesse non morire. Tripudio all’Ariston per i Modà. Fazio e Littizzetto ringraziano la città e gli abitanti di Sanremo.

    21:30
    Arriva sul palco il terzo campione Daniele Silvestri e la sua A bocca chiusa. L’orchestra partecipa all’esecuzione di A bocca chiusa, complimenti. Luciana parla con la moglie di Fazio, ma c’è la pubblicità.

    21:14
    Vestito “milanista” per Luciana Littizzetto. Vengono spiegati per l’ennesima volta le regole del televoto e detti i codici legati ai 14 Campioni: i codici sono legati all’ordine di uscita. Luciana si chiede come ‘abusa un call center’. Via al televoto che influirà il 25% sulla vittoria finale. Arriva Raphael Gualazzi e canta Sai (ci basta un sogno). Luciana legge un appello dell’Orchestra di Sanremo e lo condivide in pieno. È tornato sul palco Raiz e gli Almamegretta e cantano Mamma non lo sa. Ringraziamenti ai costumisti e a tutti i coloro si sono occupati di lei. Beppe Fiorello è sordo, ma è felice di essere un giurato.

    21:04

    Salutiamo il direttore d’orchestra Daniel Harding e Fazio ringrazia il direttore di Classica . Fabio Fazio inizia a raccontare la sua vita, invece, arriva la vera trionfatrice del Festival (i Gialappi gli dedicano il tormentone della finale), ecco il vestito della finale: Luciana scende le scale ed è vestita da Farfallina! Belen Rodriguez docet. ‘Non ce l’ho tatuata nell’inguine, ce l’ho qui’. Salutiamo la giuria di qualità con loro questa sera c’è Beppe Fiorello. Viene ripetuto l’ordine di uscita e la Litti si va a togliere il vestito.

    20:50
    Apre il gran figo di Daniel Harding con un pezzo di Richard Wagner. Si apre con il classico: la Cavalcata delle Valchirie. Daniel Harding descrive la differenza fra i due compositori: ‘La musica non è politica, non dobbiamo per forza scegliere. Tutti e due hanno trovato soluzioni per la musica e per il dramma molto simile. Ci sono molte cose simili nella musica. Ho iniziato con la musica abbastanza giovani‘. Nel 1984 una coppia di pattinatori inglesi con un Bolero con sintetizzatore gli ha cambiato la vita ‘alla fine ho il lavoro più bello del mondo‘. La serata prosegue con Verdi e la marcia trionfale dell’Aida.

    20:42
    Ultima anteprima del Festival, i due autori ricordano che la vittoria di Primo Maggio dà ragione a chi aveva accusato questa kermesse di essere di sinistra, Anna Oxa è stata profetica. ‘Fra cinque o sei ore scopriremo il vincitore’, speriamo un po’ meno. Buona finale!

    3060

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2013