Sanremo 2013: Andrea Bocelli si esibisce accompagnato dal figlio Amos

Sanremo 2013: Andrea Bocelli si esibisce accompagnato dal figlio Amos

Nella finale di Sanremo 2013 Andrea Bocelli ha cantato con l'accompagnamento al piano del figlio Amos

da in Festival di Sanremo 2013
Ultimo aggiornamento:

    Andrea Bocelli e Amos a Sanremo

    Il Festival di Sanremo 2013 si chiude con un superospite italiano ma dal successo internazionale: Andrea Bocelli. Il tenore torna sul palco dell’Ariston a diciotto anni dall’ultima partecipazione in veste di big con il brano famosissimo e tradotto in tutte le lingue Con te partirò. Per l’occasione sul palco con lui è salito anche il figlio Amos, nato proprio nel periodo in cui Bocelli partecipava alla kermesse canora più importante d’Italia. Il duetto tra padre e figlio, l’uno grande voce e l’altro giovane pianista è tra i momenti imperdibili della sessantatreesima edizione del Festival.

    Nell’annata festivaliera segnata dalla spending review con ospiti italianissimi, Andrea Bocelli incarna il talento Made in Italy che tanti apprezzamenti e soddisfazioni ha avuto e continuerà ad avere all’estero. Nato nel 1958 a Lajatico, Andrea Bocelli è un tenore a tutti gli effetti non nuovo a memorabili incursioni nella musica leggera. Punta di diamante della Sugar di Caterina Caselli, è stato scoperto dal cantante Zucchero nel periodo di realizzazione del singolo Miserere, cantato con Luciano Pavarotti. Nel 1994 ha vinto il Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte con Il mare calmo della sera e da quel momento in poi ha iniziato a lavorare sul dobbio binario della musica melodica e dell’opera. L’anno dopo torna alla kermesse canora piazzandosi al quarto posto grazie a Con te partirò, ma il vero successo non è in patria per lui, valorizzato ulteriormente all’estero. Numerose sono state le occasioni ufficiali in cui è stato invitato a cantare (finale della UEFA Champions League 1995-1996 a Roma, Grammy 2010, il matrimonio reale tra il principe Alberto II di Monaco e Charlene Wittstock nel 2011) e nel 2008 gli è stata dedicata un’intera puntata speciale di Che tempo che fa. E’ evidente, dunque, la stima di Fabio Fazio nei suoi confronti che lo ha fortemente voluto per chiudere il Festival nell’edizione segnata dal bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi.

    Introdotto da Fabio Fazio Bocelli esegue al piano La voce del silenzio, pezzo storico del 1968, con il quale non rinuncia ai sui virtuosismi da tenore. Arriva suo figlio Amos, sul palco che li divise molti anni fa quando il ragazzo nacque e Bocelli era in gara: l’uno al piano, l’altro al microfono per una speciale versione di Love me tender tratta dall’album Passione. Dopo dallo stesso album arriva l’esecuzione di Quizàs, quizàs, quizàs. Nessuna differenza tra musica classica e popolare per Andrea Bocelli, esiste solo musica bella e musica brutta.

    490

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2013