Sanremo 2012: persi 700mila euro, ma Celentano non ha colpe

Sanremo 2012: persi 700mila euro, ma Celentano non ha colpe

Adriano Celentano continua a far parlare di sé, questa volta per aver fatto perdere 700mila euro a mamma Rai

    celentano sanremo 2012 discorso troppo lungo

    Continua la polemica tutta sanremese dopo il discorso, il noiosissimo discorso, di Adriano Celentano. Sanremo 2012 ha perso circa 700mila euro a causa della mancata messa in onda di uno spot pubblicitario. Avendo sforato, infatti, Il Molleggiato ha rovinato i progetti di mamma Rai. A spiegarlo è stato Daniele Lepido sul Sole 24 Ore: ‘Tutto perfetto se il quinto break, previsto intorno alle 24,30, non fosse saltato’. E quel ‘tutto perfetto‘ fa riferimento, strano ma vero, anche all’attesissimo e discusso Ragazzo della Via Gluck: nonostante le critiche (anche le nostre), il cantante è riuscito a tenere viva l’attenzione del pubblico durante tutto il monologo, anche quando questo si è trasformato in un pietoso faccia a faccia con Pupo e Gianni Morandi (che avrebbe fatto meglio a non prestarsi a un certo tipo di polemiche). Lepido è stato chiaro a tal proposito: ‘Il terzo break, in onda subito dopo la performance dell’Adriano nazionale, ha una media di 11,1 milioni di spettatori. Risultato: Celentano è riuscito a mantenere per ben cinquanta minuti l’ascolto sempre sopra i quindici milioni, con punte di 16,5 milioni‘.

    Complimenti al Molleggiato, insomma. Peccato che non sono dello stesso avviso né AvvenireFamiglia Cristiana né i vertici Rai, che hanno preso le distanze dalle (giuste) critiche a parte dei giornali e non solo.

    La perdita di 700mila euro potrebbe sembrare qualcosa da poco, a fronte dei numeri di tutto il Festival di Sanremo, ma, fidatevi, non lo è affatto: Rai è riuscita a raggiungere il pareggio di bilancio nel 2011 e per il 2012, a dispetto di quanto la crisi possa far pensare, ci sono tutte le carte in regola per concludere con un utile; qualsiasi sbaglio, quindi, sarà pagato a caro prezzo (in tutti i sensi).

    Ma cerchiamo di capire qualcosa di più sul funzionamento degli spot, leggendo attentamente le parole di Lepido: ‘L’ascolto medio prodotto dal quarto break pubblicitario andato in onda due minuti prima della mezzanotte è di 7,7 milioni‘. Il più pagati – prosegue – sono quelli trasmessi in prima serata, ‘perché entrambi hanno prodotto un ascolto medio di 12,7 milioni di persone.

    Il primo break, a listino 190mila euro, è andato in onda all’ora prevista ed è cresciuto di 2,2 milioni di persone rispetto allo scorso anno. Il secondo break cresce di 1,2 milioni e parte in ritardo di sette minuti rispetto al previsto‘.

    La notizia sta surclassando il web nelle ultime ore e, se avete intenzione di comprendere a pieno i meccanismi pubblicitari e la situazione che stanno attraversando Rai e Mediaset, date un’occhiata a questo dettagliatissimo articolo de La Stampa.

    Update
    Mazzi è intervenuto sulla polemica, per chiarirla una volta per tutte:

    Non è attribuibile a Celentano – ha così esordito – perché era già stabilito, come per Benigni, che non ci fossero spot; è stata una serata difficile per i problemi tecnici rilevanti, che ha influenzato la scaletta e di conseguenza può aver penalizzato la pubblicità‘.

    592

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI